Design Sostenibile per il Sistema Alimentare: il 30 agosto nuova sessione del test

4

23 i candidati già ammessi dopo la prima sessione. Iscrizioni aperte fino al 23 agosto

PARMA – È fissata per il 30 agosto la seconda sessione di test per l’ammissione al corso di laurea in Design Sostenibile per il Sistema Alimentare, il nuovo corso di studio interateneo che l’Università di Parma ha attivato in collaborazione con il Politecnico di Torino per l’a.a. 2021-22. Un corso che debutta quest’anno nell’offerta formativa delle due università, realizzato con il supporto di numerose aziende dei due territori e studiato per formare designer nell’ambito alimentare, al servizio dell’ambiente, della società e del sistema produttivo.

Venerdì 16 luglio si è svolta la prima sessione di test di ammissione (concorso 1), al termine della quale sono stati ammessi 23 candidati che dovranno immatricolarsi entro il 3 agosto.

Siccome i posti disponibili sono in totale 100, il 30 agosto alle 10 si procederà con la seconda sessione: le iscrizioni alla seconda sessione del test (concorso 2) resteranno aperte fino al 23 agosto (ore 12). 

 Il corso di laurea triennale Design Sostenibile per il Sistema Alimentare (sito web: cdl-dssa.unipr.it) intende formare “tecnici di progetto” con competenze a largo spettro nell’ambito del design industriale, ma con un peculiare focus sui temi della sostenibilità e del comparto dell’industria alimentare: un comparto particolarmente rilevante per il sistema produttivo italiano e verso il quale i territori parmense e torinese hanno una vocazione consolidata. Il corso prevede un’esperienza a tutto campo, grazie alla frequentazione di due ambienti accademici complementari: l’Università di Parma, con competenze di punta nel settore alimentare, e il Politecnico di Torino, con una solida esperienza nel settore del Design. Il “sistema cibo” prevede ampi spazi di progettazione e richiede competenze multidisciplinari, soprattutto in chiave di sostenibilità ambientale. L’esperienza progettuale è organizzata in ambiti specifici legati a “domini disciplinari” che permettono di rappresentare pienamente il rapporto tra design e cibo, quali ad esempio: Materiali e tecnologie per il sistema alimentare sostenibile, Progettazione per l’industria alimentare, Innovazione nel sistema alimentare, Design with food product, Design for food, Design about food.

Il percorso prevede un primo anno a Parma e un secondo a Torino in cui poi si innesta un terzo anno da svolgersi a scelta dello studente in una delle due sedi a seconda del curriculum scelto.

I laureati del corso matureranno le competenze necessarie per potersi inserire direttamente nel mondo del lavoro, o potranno scegliere di proseguire il proprio percorso di studi con una laurea magistrale o con un master di primo livello.