Consiglio comunale di Bologna, le delibere approvate

BOLOGNA – Nel corso della seduta odierna, il Consiglio comunale ha approvato sei delibere. La prima, una delibera di adeguamento del Programma triennale dei lavori pubblici e dell’Elenco annuale dei lavori per il 2019, è stata approvata con 20 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 6 astenuti (Movimento 5 stelle, Venturi-Insieme Bologna, Coalizione civica, gruppo Misto) e 6 non votanti (Lega nord, Forza Italia, De Biase-Insieme Bologna).

L’immediata esecutività della delibera è stata approvata con 20 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 5 astenuti (Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo Misto) e 7 non votanti (Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna).

Il Consiglio ha poi approvato due delibere di variazione al Bilancio di previsione 2019-2021: la prima, in parziale applicazione dell’avanzo di amministrazione dell’esercizio 2018, è stata approvata con 20 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 7 contrari (Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna) e 5 non votanti (Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo Misto), mentre la sua immediata esecutività è stata approvata con 20 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 6 contrari (Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna) e 5 non votanti (Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo Misto); la seconda, che riguarda il rimborso anticipato di mutui in essere con la Banca europea per gli investimenti per un importo massimo di 10,960 milioni di euro, è stata approvata con 19 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), un contrari (Cocconcelli-Lega), 7 astenuti (Movimento 5 stelle, Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna) e 3 non votanti (Coalizione civica, gruppo misto).

L’immediata esecutività della delibera è stata approvata con 19 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 4 astenuti (Movimento 5 stelle, Insieme Bologna) e 3 non votanti (Coalizione civica, gruppo misto).

Di seguito, il Consiglio ha approvato due delibere di autorizzazione alla spesa.

La prima, di 14 milioni 400 mila euro per il servizio di gestione postale delle sanzioni amministrative del codice della strada, leggi e regolamenti comunali nel periodo 2022-2023, è stata approvata con 19 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune), 9 contrari (Movimento 5 stelle, Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna, gruppo Misto) e 2 astenuti (Coalizione civica), così come la sua immediata esecutività.

La seconda, una spesa di 594 mila euro per il servizio di lavanderia dei capi di vestiario in dotazione alla polizia locale dal 2020 al 2024, è stata approvata con 21 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Coalizione civica) e 9 astenuti (Movimento 5 stelle, Lega nord, Forza Italia, Insieme Bologna, gruppo Misto), così come la sua immediata esecutività.

Infine, è stata approvata con 26 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Insieme Bologna, Coalizione civica e gruppo Misto) e 4 astenuti (Lega nord, Forza Italia), la delibera sull’accordo sperimentale tra la Regione Emilia- Romagna e i Comuni aderenti, per realizzare uno scambio dati che consentirà la mobilità dei disabili nelle ZTL senza comunicare le targhe ai singoli Comuni.

Consiglio comunale, approvati tre ordini del giorno

Nel corso della seduta di oggi, il Consiglio comunale ha approvato tre ordini del giorno.

I primi due sono stati presentati a inizio seduta dal consigliere Federico Martelloni (Coalizione civica).

Il primo, firmato anche dalle consigliere Emily Clancy (Coalizione civica) e Addolorata Palumbo (gruppo Misto) e dai consiglieri Claudio Mazzanti, Francesco Errani e Vinicio Zanetti (Partito Democratico), sulla promozione delle adesioni alla Carta dei diritti dei lavoratori digitali, è stato approvato con 25 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Insieme Bologna, Coalizione civica, gruppo Misto) e 3 astenuti (Lega nord).

Il secondo, riguardante il sostegno alla richiesta del gruppo Famiglie accoglienti di ospitare le 30 persone attualmente sulla Mare Jonio, è stato firmato anche dalle consigliere Emily Clancy (Coalizione civica) e Addolorata Palumbo (gruppo Misto) e dai consiglieri Claudio Mazzanti, Francesco Errani, Vinicio Zanetti, Raffaele Persiano, Federica Mazzoni (Partito Democratico), e approvato con 21 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Coalizione civica, gruppo Misto), 5 contrari (Lega nord, Forza Italia), 2 astenuti (Movimento 5 stelle) e 2 non votanti (Insieme Bologna).

Infine, è stato approvato con 19 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Coalizione civica, gruppo Misto), 5 contrari (Lega nord, Forza Italia) e 4 astenuti (Movimento 5 stelle, Insieme Bologna), l’ordine del giorno sulla possibilità di iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo sulla base di un documento diverso dal permesso di soggiorno.