Commercio abusivo e molesto, fermati dalla municipale di Modena

59

Vengono da Napoli per vendere calzini nei parcheggi dei centri commerciali: la Pm preannuncia altre operazioni e controlli per contrastare il fenomeno

polizia-municipale-MODENA – Fermati e sanzionati dalla Polizia municipale di Modena due pregiudicati di nazionalità italiana che da settimane infastidivano gli avventori di alcuni grandi centri commerciali della zona Bruciata inducendoli ad acquistare merce venduta abusivamente nei parcheggi pertinenti e nelle vicinanze.

È accaduto nella mattinata di giovedì 26 aprile quando la Polizia municipale, che aveva ricevuto parecchie segnalazioni riguardo l’attività illegale, svolta anche da parecchie persone con modi talvolta anche aggressivi, si è presentata nei luoghi indicati con sette agenti, tra i quali alcuni motociclisti.

Le due persone sorprese a vendere abusivamente rispettivamente nelle aree dei parcheggi di Obi e GrandEmilia hanno 50 e 36 anni, provengono da Napoli e sono pluripregiudicati per reati vari. Sono stati fermati, identificati e sanzionati per commercio abusivo per oltre 5.000 euro; mentre la merce, circa 500 paia di calzini, è stata loro sequestrata.

Il Nucleo problematiche del territorio della Municipale, che da giorni aveva posto l’attenzione su quanto si verificava nell’area, ha ricostruito le modalità d’azione di queste persone che, partendo dal capoluogo partenopeo raggiungono Modena in treno, trascorrono la notte in albergo e arrivano in autobus nei luoghi dove indurre avventori e malcapitati a scucire qualche euro più per essere lasciati in pace che per acquistare la merce, costituita per lo più da calzini da uomo.

Nei prossimi giorni la Municipale effettuerà altri analoghi controlli nelle medesime aree al fine di contrastare e debellare tale attività abusiva, oltre particolarmente fastidiosa per chi si trova a transitare nella zona.

Nella stessa mattinata sono stati anche identificati due cittadini nigeriani di 20 e 30 anni che risultano essere richiedenti protezione internazionale dimoranti a Campobasso e Firenze. I due sono stati sorpresi, non a vendere, ma a fare la questua e sanzionati in base al Regolamento di Polizia urbana; nei loro confronti sono scattati anche provvedimenti di allontanamento per 48 ore dall’area.

In particolare, uno dei due, sorpreso nelle vicinanze dell’Obi ha cercato di darsi alla fuga inseguito da un agente in moto fino al Grandemilia, dove è riuscito ad entrare da un ingresso secondario riservato al personale. Seguendolo anche l’agente è entrato in Galleria, ovviamente per un brevissimo tratto e a passo d’uomo; qui ha fermato il fuggitivo con l’aiuto del personale di sorveglianza.