“Colli’ N Air” l’11 dicembre prende il via la radio web di Mercato Saraceno

29

MERCATO SARACENO (FC) – Dopo circa un anno di lavoro “dietro le quinte” la nuova web radio comunale apre le porte con un evento natalizio.

Domenica 11 dicembre dalle ore 18.00 presso la Biblioteca A. Veggiani e nella piazzetta del Savio adiacente, la web radio “Colli’ N Air – Il Suono della Valle” presenterà il progetto alla cittadinanza e a tutte e tutti coloro che sono interessati a partecipare attraverso programmi, interviste o semplici selezioni musicali.

A seguire, ad animare la serata saranno i LOMII, duo musicale cesenate indie-folk che alternerà alle loro canzoni un’intervista live. Nicola Montalti, dj mercatese, chiuderà la serata.

Ad accompagnare il pomeriggio, all’esterno della Biblioteca sarà presente un piccolo stand con aperitivo per rifocillarsi.

La web radio nasce dalla volontà dell’Amministrazione  di ridare vita allo spazio retrostante all’edificio comunale, coniugata con l’idea di creare uno spazio di aggregazione e partecipazione giovanile. Da questa unione è nato il progetto della Web Radio: attraverso un patto di collaborazione un gruppo informale di giovani mercatesi, e non, hanno dato vita  a “COLLI’ N AIR”. Il progetto radiofonico non ha il solo il compito di creare contenuti direttamente, ma contemporaneamente ha l’intento di organizzare e coordinare anche i cittadini o le associazioni che hanno il desiderio di inserire i propri contenuti all’interno della radio.

Queste le parole dell’assessora alla cultura e politiche giovanili Giulia Rogai: “Il progetto della web radio è un percorso che ha richiesto tempo ed impegno da parte dell’Amministrazione, degli Uffici e soprattutto da parte di tutte e tutti i volontari. A loro è doveroso dire grazie per l’impegno e la voglia di mettersi in gioco per rendere vivi questi spazi. Personalmente credo molto nella partecipazione dal basso, e la radio è una sempre più concreta testimonianza della possibilità di attivare luoghi di aggregazione giovanile anche nelle nostre aree interne. Si parla spesso del disagio giovanile, ma ci si dimentica troppo spesso della presenza di ragazzi e ragazze che hanno voglia  di aggregarsi e partecipare attivamente alla vita del paese, ed è compito nostro creare la sinergia necessaria per convogliare questa energia per la cura della comunità e degli spazi comuni. Invito quindi chiunque abbia voglia di mettersi in gioco e sperimentare questi nuovi spazi, fisici e virtuali, a partecipare a questo percorso, insieme.”