Ciri Ceccarini questa sera a Rimini: alla scoperta delle origini di Renato Zero

21

Martedì 27 luglio, a partire dalle ore 21, al Rex Bar Non è un gioco il Carnevale

RIMINI – Questa sera, martedì 27 luglio 2021 alle ore 21.00 il cantautore e showman Ciri Ceccarini torna in scena a Il Rex Bar (viale Ortigiara 40 – San Giuliano, Rimini)con il suo speciale omaggio a Renato Zero.

Il locale della darsena e il poliedrico artista e trasformista riminese proseguono nella loro virtuale galleria di incontri ravvicinati e rilettura dell’opera dei più grandi cantautori della scena italiana.

Non è un gioco il Carnevale sarà il titolo dello spettacolo che vuole ripercorrere la mirabolante storia di costumi e trasformazioni del cantautore romano che ancora oggi continua a stupire con una produzione al passo coi tempi.

Lo spettacolo ripercorrerà idealmente le tappe di una carriera, quella di Renato Zero, incentrata in larga parte sulla libertà individuale e in questo senso in perfetta linea con Ciri Ceccarini, artista indipendente, noto nell’underground culturale e musicale per brani come Sono ciò che sono, già inno del Genova Pride 2009 e Non scappo più, brano antiomofobia colonna sonora della manifestazione “Musica contro l’omofobia” di cui proprio Ceccarini è stato ideatore e direttore artistico al Mei2009 (Meeting Etichette Indipendenti).

Traccia simbolo dell’intero spettacolo sarà, non a caso, per tutte queste ragioni, proprio Per non essere così, brano che affronta il tema del Carnevale quotidiano, pieno di emozioni talora contrastanti che può essere l’esistenza di ognuno di noi.

“Da dieci anni ormai ho deciso di confrontarmi con Zero, senza mai correre il rischio di imitare un genio semplicemente inimitabile come Renato” spiega Ciri “e di fatto ogni volta viene fuori uno spettacolo diverso da quello precedente, tante e tali sono le sfaccettature  che questo artista, unico in Italia ad essere rimasto nella hit parade per oltre cinquant’anni, riesce ad offrirci”.

“Renato Zero è spensierato e pensoso, divertente e riflessivo, una maschera teatrale che non a caso il grande regista riminese Federico Fellini seppe cogliere quando ancora Zero era semplicemente Renatino, il ragazzo magrissimo dagli occhi vispi figlio della periferia romana. In questo spettacolo sullo sfondo dell’affascinante borgo felliniano di San Giuliano, grazie alla decisiva complicità della direzione de Il Rex Bar, proveremo a mettere in luce le sfumature, i costumi, la verve dello Zero delle origini che poi ha saputo portare tutti nel suo mondo magico fatto dell’incontro costante tra la realtà e il sogno, la quotidianità e la meraviglia della favola sua che per molti è diventata la favola nostra”.

Una quotidianità freudiana sulla quale Ciri artisticamente non ha smesso di riflettere, proponendo di recente un particolarissimo featuring con il rapper romagnolo Fadamat dal titolo L’amore divora incentrato proprio sulla continua dialettica, non sempre lineare, tra l’anagrafe e l’identità di genere di ciascuno di noi.

Una collaborazione, quella tra Fadamat e Ciri, rientrata poi nella compilation E la chiamano Rimini, compilation pubblicata lo scorso anno e disponibile su tutti gli store web e su supporto fisico.

All’inizio del 2021 Ciri Ceccarini è stato ospite al concerto streaming “K-Rimini Crew” visualizzatile anche in differita sul sito officinariminiarte.it, tenutosi al teatro Novelli di Rimini.