Chiostro di San Pietro domani sera, 4 clarinetti per “Rags, Swing and Songs”

14

Salotto Aggazzotti, giovedì 3 settembre alle 21 viaggio nella musica della vecchia America con il Quartetto italiano di clarinetti. Ingresso gratuito, prenotazione, cautele anti Covid

MODENA – Quattro clarinetti per un viaggio nella musica della vecchia America. Si intitola “Rags, Swing and Songs” il concerto del Quartetto italiano di clarinetti in programma giovedì 3 settembre alle 21, nuovo appuntamento gratuito al Chiostro di San Pietro nel cuore storico di Modena. La serata è a cura del Salotto Aggazzotti per la rassegna intitolata proprio “Musica in Chiostro San Pietro”, nell’Estate Modenese del Comune con sostegno di Hera e Fondazione di Modena.

L’ingresso è libero con prenotazione consigliata a salottoaggazzotti@gmail.com o al numero di cellulare 392 0512219. I posti sono contingentati e distanziati e si devono rispettare le misure anti Covid, mascherina, distanziamento e disinfezione mani.

Sul palco per il Quartetto, Giovanni Lanzini (clarinetto e clarinetto alto), Giovanni Vai (clarinetto), Maurizio Morganti (clarinetto) e Augusto Lanzini (clarinetto basso).

Nel programma musicale della serata “Chattanooga Choo Choo” di Warren/Goldon (arrangiamento di F. Leone); “The Entertainer” e “Maple Leaf Rag” di Scott Joplin; “La Belle et le Blues” e “Canadian Capers” di Claude Bolling; “Puttin’ On The Ritz” e “Alexander’s Ragtime Band” di Irving Berlin; “Ain’t Misbehavin’” di Fats Waller; “The Pink Panter” di Henri Mancini; “The Man I Love”, “Summertime” e “Oh, Lady Be Good!” di George Gershwin; “Ouverture and Ballad of Mack the Knife”, “The Cannon Song”, “Ballad of Immoral Earnings” “Suite” da “L’Opera da Tre Soldi” e “Ballad of Good Living” di Kurt Weill per finire con Duke Ellington di cui si ascolteranno (arrangiamenti di F. Leone) “Duke’s Suite”, “Satin Doll”, “It Don’t Mean a Thing”, “Don’t get around much anymore” e “Take the A Train”.

Il Quartetto Italiano di Clarinetti, fondato nel 1985 per promuovere e valorizzare il clarinetto e la sua “famiglia” nell’ambito della musica da camera, vanta un’attività trentennale con tournée in vari paesi del mondo e centinaia di concerti tenuti con successo di pubblico e critica nei più importanti Festival e Rassegne Musicali, registrazioni radiofoniche e televisive, incisioni discografiche.

“Musica in Chiostro San Pietro” del Salotto Aggazzotti nasce in collaborazione con Momus, Preludio, Acli Arte e Spettacolo, con sostegno di Comune di Modena e Regione Emila-Romagna e grazie alla disponibilità di Stefano De Pascalis, priore dei Monaci Benedettini di San Pietro. Sponsor del Salotto Aggazzotti per la rassegna sono Italpizza e Vania Franceschelli, consulente finanziaria.

Informazioni sulle serate del Salotto sono online (www.simonettaaggazzotti.it).

Il programma è anche sul sito del Comune (www.comune.modena.it/estate2020).