Centri estivi, ecco i primi dati: oltre 8.000 bambini accolti. Già utilizzati 1,2 milioni di contributi

18

In media richieste 3 settimane e mezza. Per tutto il periodo estivo è possibile iscriversi per i posti ancora disponibili

BOLOGNA – Sono oltre 8.000 i bambini e le bambine che, tra il 16 maggio e il 1° giugno, si sono iscritti ai centri estivi convenzionati con il Comune di Bologna per l’estate 2022. Un numero decisamente più alto rispetto allo scorso anno, quando in prima iscrizione erano stati mille in meno.

Nel dettaglio le domande registrate sono state 8.271, di cui 477 bimbi o bimbe con disabilità e 66 profughi provenienti dall’Ucraina. I gestori dei centri estivi stanno in questi giorni continuando con le assegnazioni dei turni richiesti, dando precedenza alle settimane più vicine, quelle di giugno e luglio: l’89% delle assegnazioni è già stata completata. I dati analizzati finora fotografano una platea per la maggior parte composta da chi ha tra 6 e 11 anni (53%), il 32% ha tra 3 e 6 anni e il resto (15%) tra 11 e 14 anni. In media ogni iscritto ha richiesto la frequenza per tre settimane e mezza.

I dati fanno riferimento alla prima finestra di iscrizioni ai centri estivi convenzionati con il Comune di Bologna, aperta dal 16 maggio all’1 giugno. È comunque sempre possibile iscriversi per tutto il periodo estivo sui posti ancora disponibili, che ogni settimana vengono pubblicati nella pagina dedicata del sito del Comune di Bologna, https://www.comune.bologna.it/servizi-informazioni/iscrizione-servizi-estivi. Già online il file dei posti disponibili aggiornato al 3 giugno.

Anche per l’estate 2022 il Comune ha messo in campo una misura di sostegno per il pagamento delle rette di frequenza dei centri estivi, per tutte le famiglie con un Isee fino a 35 mila euro: ammonta a oltre 1,2 milioni di euro il contributo già utilizzato in questa prima fase di iscrizione, da chi aveva già presentato l’Isee al Comune sul Portale Scuole On Line. È comunque possibile ricevere il contributo anche se l’Isee viene presentato nel corso dell’estate, ma in questo caso sarà corrisposto successivamente, sotto forma di rimborso.

“Si tratta di un progetto importante e inclusivo – è il commento dell’assessore alla Scuola Daniele Ara -. Nei prossimi mesi monitoreremo l’andamento e penseremo ad ulteriori migliorie per il prossimo anno insieme alle famiglie, ai gestori e al mondo della scuola. Un grande ringraziamento a tutti gli uffici e agli operatori impegnati sul campo”.