Caserma Pozzuolo del Friuli: affidamento diretto del servizio di progettazione partecipata degli spazi

21
ex-caserma-pozzuolo-del-friuli

Incarico da € 18.300 al Consorzio Futuro In Ricerca di Unife

FERRARA – Avviato l’iter per l’incarico ad un soggetto terzo del percorso partecipato relativo alla Caserma Pozzuolo del Friuli, così come chiesto dal Consiglio comunale, il 1° febbraio la notizia è dell’affidamento alla società CONSORZIO FUTURO IN RICERCA con Sede Legale e operativa in Via Giuseppe Saragat n. 1 Ferrara, del servizio di progettazione partecipata per la riqualificazione dell’ex Caserma Pozzuolo del Friuli e dei suoi spazi in Via Cisterna del Follo, avendo presentato un’offerta economica pari a € 15.000 oltre iva, per un totale di € 18.300.

La proprietà della ex Caserma Pozzuolo del Friuli è di Cassa Depositi e Prestiti, che ha sottoscritto un preliminare di vendita con un soggetto privato, Ar.Co Lavori Srl per ottenerne il recupero e la conversione a studentato.

A darne l’annuncio l’assessore Alessandro Balboni, auspicando che “sia per tutti un’occasione di condivisione, non di strumentalizzazione politica, integrando, come previsto dalla Legge regionale 24 del 2017, le volontà del pubblico con le aspirazioni del privato nelle riqualificazioni degli spazi pubblici”.

Balboni ricorda infine che: “si tratta di destinare e trasformare 20.000 metri quadri di edifici, anche di pregio come gli ex alloggi e la ex cavallerizza, e 10.000 metri quadri di piazza asfaltata; una sfida complessa che deve essere interpretata come una grande e imperdibile occasione”.

“Sono molto soddisfatto che per questo progetto importante per la città e molti cittadini sia partner proprio il CFR che da anni collabora con il Comune su iniziative di grande valore strategico per Ferrara e il suo futuro.

La Caserma rappresenta un buco nero dell’urbanistica cittadina e aspetta una soluzione a più di trent’anni dalla sua chiusura.

Il Consiglio Comunale di Ferrara proprio per questi motivi ha richiesto un attento percorso di partecipazione per il futuro di questi spazi e quindi come istituzione comunale abbiamo dato seguito agli impegni presi partendo da un partner di eccellenza”.

Trattandosi di un appalto di servizi d’importo inferiore ad € 140.000,00 l’amministrazione ha proceduto direttamente ed autonomamente all’acquisizione del servizio in oggetto rispettando l’obbligatorio ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione ME.P.A. www.acquistinretepa.it