“Cappellacci in centro”, torna e si rinnova l’appuntamento gastronomico autunnale della Contrada di Santa Maria in Vado

38

Da venerdì 2 ottobre dieci serate di buona cucina all’Osteria dell’Unicorno a Casa di Stella dè Tolomei. Inaugurazione questa sera alle 20. Obbligatoria la prenotazione

FERRARA – Riflettori puntati in particolare sul piatto principe della cucina ferrarese da questa sera 2 ottobre a fine mese all’Osteria dell’Unicorno, sede dalla Contrada di Santa Maria in Vado a Casa di Stella Dè Tolomei (via Cammello 13/15 a). Con una nuova formula e il nuovo titolo “Cappellacci in centro” (in sostituzione del precedente “Sapori d’autunno”) torna infatti il consueto appuntamento gastronomico autunnale dei portacolori giallo-viola del Palio di Ferrara. Dopo il taglio del nastro inaugurale alle 20 di oggi, la rassegna sarà pronta a ricevere i suoi ospiti nelle serate del 3, 9, 20, 16, 17, 23, 24, 30, 31 ottobre. Grande attenzione sarà riposta nel rispetto delle norme di contenimento della diffusione del Covid-19 e per partecipare sarà obbligatoria la prenotazione (3713353224).

L’iniziativa, che si avvale del patrocinio dell’Amministrazione comunale di Ferrara,  è stata illustrata in mattinata (2 ottobre) nella residenza municipale. Erano presenti il vice sindaco di Ferrara Nicola Lodi, l’assessore comunale al Commercio e Turismo Matteo Fornasini, il presidente dell’Ente Palio di Ferrara Nicola Borsetti, il presidente e la vice presidente della Contrada di Santa Maria in Vado Giovanni Bellini e Bianca Maria Vitelletti e la responsabile marketing de La Brasiliana Sara Panceri. 

“Questo nuovo appuntamento è la conferma ulteriore di come sia in atto una sorta di competizione positiva fra le varie contrade del Palio, – ha affermato il vicesindaco Nicola Lodi – insieme e singolarmente impegnate a vivacizzare la città proponendosi come protagoniste di nuovi eventi. In clima Covid non era assolutamente scontato il ritorno della rassegna autunnale di Santa Maria in Vado, perchè organizzare ben dieci serate fra le molte difficoltà di questo momento è un progetto sicuramente impegnativo. Grande merito per questo quindi sia allo staff dirigente sia ai volontari della contrada che ringrazio anche per avere sicuramente compreso come il Palio sia un tassello importante per la nostra comunità, un circuito positivo che sempre più attivamente coinvolge famiglie, bambini, ragazzi”.

“Voglio ringraziare la dirigenza e tutti i contradaioli di santa Maria in Vado che lavorano 365 giorni all’anno per il Palio e, aggiungo, per la città. – ha puntualizzato l’assessore Matteo Fornasini – Credo che mai come quest’anno, particolare e sfortunato, noi ferraresi abbiamo avuto ancora maggiore consapevolezza di quanto sia prezioso il tessuto composto dalle nostre contrade, dai nostri borghi e dai nostri rioni. Nonostante tutto infatti, e nonostante le corse di maggio siano state rinviate, tutte insieme le associazioni del Palio stanno dando una prova straordinaria di grande forza e determinazione nel portare avanti le loro attività, dimostrando di essere veramente un patrimonio dell’intera città”.

(Comunicazione a cura degli organizzatori)
L’Osteria dell’Unicorno apre i battenti nel 2003 presso il chiostro della Basilica di Santa Maria in Vado. Nata come luogo di ritrovo per i contradaioli nella settimana precedente alle corse al Palio di Ferrara, si caratterizza con piatti semplici e legati alla tradizione ferrarese, diventando un appuntamento fisso per tutti i membri del rione e non solo.
Quando, nel 2013, la Contrada prende possesso dell’immobile sito in via Cammello e noto comeCasa di Stella de Tolomei (o casa di Stella dell’assassino) anche l’osteria si trasferisce nelle mura della bellissima dimora storica e continua ad accompagnare le giornate di vigilia al Palio, nell’ultima settimana di maggio.
Dal 2017 ha inizio un secondo appuntamento fisso con l’Osteria dell’Unicorno, sotto forma di rassegna gastronomica, incentrata sui sapori dell’autunno. Dopo tre anni e visto il grande successo ottenuto dal piatto principe della cucina ferrarese e da sempre presente nel menù dell’Osteria, il 2020 viene intitolato “Cappellacci in centro”.

Il piatto principale potrà essere gustato in tanti modi diversi, dai più classici ai più ricercati, insieme ad altre pietanze semplici e genuine, preparate e servite dai volontari della Contrada.
La rassegna, infatti, vede impegnati oltre 50 contradaioli, che in tutti i fine settimana del mese di ottobre si turneranno per aprire le porte della sede gialloviola, con l’intento di permettere a tutta la cittadinanza di poter godere di una cena semplice e gustosa, nella splendida cornice della dimora storica di cui la Contrada è custode.
Nel particolare momento che stiamo vivendo, abbiamo deciso di non rinunciare a quest appuntamento ormai consolidato da anni, premurandoci di applicare e far rispettare le disposizioni vigenti in tema di contenimento della diffusione del covid-19. Riteniamo un dovere condividere il meraviglioso spazio che ci è stato affidato e il nostro impegno è volto a farlo nel rispetto delle normative vigenti e nella salvaguardia della salute di tutti i nostri ospiti.
La Contrada di Santa Maria in Vado ringrazia il Comune di Ferrara per il prezioso supporto e la continua vicinanza nell’organizzazione degli eventi, unitamente a tutti gli sponsor (Ascom Confcmmercio e caffè La Brasiliana). che hanno voluto affiancarci in questa iniziativa. Un ringraziamento speciale a tutti i contradaioli che per cinque fine settimana, presteranno servizio volontario, mettendosi a disposizione della manifestazione.

Obbligatoria la prenotazione (3713353224).