Bologna- Garlasco 0-3

17

BOLOGNA – BOLOGNA CADE CONTRO GARLASCO E NON RIESCE NELL’IMPRESA

GEETIT PALLAVOLO BOLOGNA- VOLLEY 2001 GARLASCO 0-3 ( 19-25-; 22-25;23-25)

Geetit Bologna: Soglia 6; Maretti 10; Bonatesta 1, Cogliati, Ghezzi (L), Faiulli 3, Zappalà, Marcoionni 4, Spagnol 15, Dalmonte 8, N.e. Venturi, Faiella, Meer

Volley 2001 Garlasco: Tamelli (L), Porcello 11, Coali 6, Crusca 6, Di Noia 1, Magalini 13, Puliti 15, N.e.: Resegotti, Moro, Testagrossa, Giampietri, Melano, Petrone

La Geetit Pallavolo Bologna è caduta ieri sera nel primo test-match per la corsa alla salvezza contro il Volley 2001 Garlasco.

La squadra di coach Andrea Asta lotta ma paga, ancora una volta, i troppi errori diretti e la mancanza di lucidità nei momenti chiave del match. Dopo un primo set in cui Bologna soffre il servizio di Magalini e commette diversi errori, nel secondo, i felsinei, coinvolgendo nel gioco i centrali, crescono in attacco e a muro e si lasciano sfuggire il set solo in chiusura. Nella terza frazione di gioco le due compagini regalano ai tifosi del PalaDozza grande spettacolo; nonostante il buon livello di gioco di Spagnol e compagni, Puliti, sugli scudi, regala ai suoi tre punti fondamentali per la classifica.

Il match parte con qualche sbavatura da entrambi i lati del campo e nessuna delle due formazioni riesce a trovare un break point decisivo 3-3. Continuano gli errori da entrambi i lati del campo ma Garlasco, con il turno al servizio di Magalini, galvanizzato dagli errori diretti dei rossoblu, trova il massimo vantaggio (5-9) e Coach Andrea Asta chiama i suoi alla panchina. Di Noia coinvolge bene i centrali e Garlasco mantiene il vantaggio: 7-12. Quando al gioco lombardo si aggiunge Puliti il divario è ampio, 8-15. Coach Andrea Asta è costretto al suo secondo discrezionale, questa volta con esito positivo: Bologna accorcia le distanze fino al 12-15 e sarà Bertini a chiamare il suo primo timeout. Calato il sistema muro-difesa lombardo e migliorata la distribuzione del gioco di Cogliati i padroni di casa centrano il -2 sul 15-17. Il momento di svolta del set porta il nome di Alberto Magalini che con il turno al servizio ritrova il +4, risponde una Bologna fallosa nel fondamentale dei 9 metri con 3 turni di errori. Il solito Puliti con due attacchi vincenti regala ai suoi il set point del primo set sul 19-24. Chiude un errore al servizio di Faiulli chiamato a sostituire Soglia.

L’avvio della seconda frazione di gioco vede i pinguini portarsi subito avanti 3-0. Asta prova il consueto cambio di regia con Faiulli in diagonale con Spagnol ma il muro di Garlasco ha le meglio sul gioco felsineo 2-8. Con Dalmonte e Soglia i rossoblu raggiungono l’ 8-10. Le due formazioni giocano alla pari con Bologna che si trascina il +2 lombardo fino al 17-19. I padroni di casa soffrono ancora una volta il gioco dei pavesi che si impongono 17-21. Bologna non molla e il monster block di capitan Marcoionni metta la firma sul 21-22. Coach Bertini risponde con il time out, al rientro il primo tempo di Porcello e il muro su Dalmonte valgono il 2-0 di Garlasco sul 22-25.

Il terzo set cambia volto e Bologna si impone fin dalle prime battute (4-2) e mantiene largo vantaggio fino all’ 8-5.

Il tentativo di accorciare le distanze porta ancora il nome di Leonardo Puliti che ci riesce fino al 12-11. Bologna si compatta in difesa e a muro, quello di Marcoionni in particolare, segna il 15-11 con il conseguente time out lombardo.

Il turno il servizio di Magalini, che aveva fatto soffrire la ricezione emiliana, da ancora i suoi frutti e con il solito Puliti, gli ospiti tornano a -1. Si ripete lo scenario antecedente: Bologna continua a lottare ma Puliti, sugli scudi, continua ad avvicinare Garlasco: 18-17.

Spagnol, trova prima un mani out su Puliti e mura lo stesso per il 20-17.

Lo schiacciatore umbro, top scorer del match (insieme a Spagnol) completa l’opera di rimonta sul 20-20 aggressivo anche dai 9 metri. A rispondere l’opposto rosso-blu che, se nei set precedenti aveva faticato molto, infila due diagonali nel 9×9 della squadra di Pavia (22-20). Ancora il classico Magalini al servizio porta tutto sul 23-23. Completa l’opera Puliti, che tanto aveva lottato per il vantaggio, coniugato dal muro di Crusca. Chiude cosi Garlasco 23-25, 3-0 volando a + 6 dai rossoblu.

Leonardo Puliti : ”Quello di oggi era uno scontro difficile con una posta in palio molto alta. La bella partita, che si evidenzia sopratutto nella fase finale dove le squadre hanno giocato a viso aperto, dimostra la fame di punti di entrambe le formazioni. Bologna si è riconfermata una squadra ostica che è cresciuta nel corso del campionato ma ha pagato la discontinuità. Faccio i complimenti agli avversari e festeggio con il mio team questa splendida vittoria.”

Saverio Faiulli: “È stata una partita molto combattuta soprattuto nel secondo e terzo set. Ancora una volta paghiamo la mancanza di lucidità nella chiusura di set anche quando abbiamo qualche punto di scarto. Era una partita alla nostra portata come dimostrano i parziali ma non abbiamo saputo canalizzare l’adrenalina a nostro favore.

La sconfitta è ancora più difficile da digerire considerando il suo valore per noi, detto questo lottiamo fino alla fine senza farci condizionare dalla classifica.”