Bologna, “Al tuo fianco”

41

Nuovo servizio di supporto e orientamento per gli anziani e i loro caregiver

Comune di BolognaBOLOGNA – Prende il via il progetto “Al tuo fianco”, un nuovo servizio di supporto e orientamento rivolto alle persone anziane e ai loro familiari, promosso dalla Casa residenza anziani “Beata vergine delle grazie” insieme al Comune di Bologna e con il sostegno dell’Arcidiocesi di Bologna.
L’obiettivo del progetto è di facilitare l’accesso degli anziani e dei loro caregiver alla rete dei servizi e delle risorse presenti sul territorio cittadino. Dai servizi sociali e sanitari, ai servizi per i cittadini (come Caf, patronati, sportelli di supporto informatico), alle attività realizzate dalle associazioni di volontariato.
Il tutto attraverso l’attivazione di uno Sportello, che in questa fase opererà in modalità a distanza, che offrirà ascolto e informazioni e attiverà, quando necessario, servizi di supporto e accompagnamento, grazie all’impegno di un gruppo di volontari adeguatamente formati.

Oltre a contattare lo Sportello per facilitare l’accesso ai servizi attivi sul territorio, è possibile anche chiedere un aiuto nel disbrigo di pratiche e commissioni; per un supporto nell’attivazione dello Spid o altre procedure informatiche; per chiedere un accompagnamento a visite o acquisti; o semplicemente per parlare con un volontario e ricevere conforto e compagnia in situazioni di isolamento e solitudine.

Come si accede

L’accesso allo Sportello è libero e gratuito. Le persone e i loro caregiver potranno contattarlo direttamente chiamando il numero 335 5827073 o mandando un’email a altuofianco@beataverginedellegrazie.it. I contatti saranno gestiti da un’operatrice qualificata che intercetterà i bisogni e metterà i cittadini in contatto con i volontari del progetto o con i servizi del territorio.

Parallelamente – grazie a un Protocollo di intesa stipulato con il Comune – anche i Servizi sociali possono segnalare i propri utenti allo Sportello, per attivare azioni di supporto, orientamento e accompagnamento, in un’ottica di reciprocità e valorizzazione delle risorse della comunità.

In questa prima fase il servizio opera prevalentemente nei territori dei quartieri Santo Stefano e Savena, dove è stato fatto un ampio lavoro di ricognizione dei servizi pubblici, privati e del terzo settore rivolti alle persone anziane. Ma anche i cittadini residenti negli altri quartieri potranno contattare lo Sportello per chiedere supporto e informazioni, con l’intento, in prospettiva, di ampliare il servizio a tutto il territorio cittadino.