“Balenottere comuni e capodogli, i giganti del Mediterraneo”, nuovo appuntamento del Darwin Day 2017

103

Giovedì 16 marzo, alle 21, al Museo civico di Storia Naturale di Ferrara  in via de Pisis. Ingresso libero e gratuito

darwin_1FERRARA – Avrà per tema “Soffio a ore 11. Balenottere comuni e capodogli, i giganti del Mediterraneo” il sesto appuntamento della nona edizione del ciclo di proiezioni e conferenze per celebrare il ‘Darwin Day Ferrara 2017’ in calendario giovedì 16 marzo alle 21 al Museo civico di Storia Naturale di Ferrara (via De Pisis 24).

L’incontro sarà condotto da Sabina Airoldi (Tethys Research Institute). Ingresso libero e gratuito.

L’iniziativa, promossa dal Museo civico di Storia Naturale, si avvale della collaborazione del Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie dell’Università di Ferrara e dell’associazione Naturalisti Ferraresi con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS) e della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica (SIBE).

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori) – “Soffio a ore 11. Balenottere comuni e capodogli, i giganti del Mediterraneo” con Sabina Airoldi (Tethys Research Institute). Chi l’avrebbe mai detto che nel Mediterraneo vivono l’animale più grande mai esistito sulla terra, secondo per dimensioni solo alla balenottera azzurra, e il più grande predatore?

I giganti in questione sono la balenottera comune, con i suoi 24 metri di lunghezza e le 60 tonnellate di peso, e il capodoglio, i cui maschi possono raggiungere i 18 metri.

La prima predilige le acque pelagiche e si nutre del cosiddetto “krill mediterraneo”, composto da piccoli crostacei che cattura a tonnellate, il secondo frequenta le zone di scarpata continentale attraversate da profondi canyon sottomarini, ricchi delle sue prede preferite, i calamari giganti.

La balenottera azzurra produce suoni a bassissima frequenza, non udibili dal nostro orecchio, ed è solitaria, mentre il capodoglio utilizza le vocalizzazioni per comunicare, cacciare e orientarsi ed ha una complessa struttura sociale.

In comune hanno la caratteristica di girovagare per il Mediterraneo, compiendo lunghissimi spostamenti, e di affascinare chiunque abbia la fortuna di incontrarli.