Arte e natura, al via in Emilia-Romagna il progetto “giardiniere d’arte”

4

Corso per formare i primi 12 professionisti per giardini e parchi storici

logo regione emilia romagnaBOLOGNA – Parte in Emilia-Romagna il primo progetto formativo per “giardinieri d’arte”, specializzati per intervenire su giardini e parchi storici.

Il progetto selezionato è “Scuola Ducale Giardinieri d’arte” e prevede la formazione di 12 aspiranti giardinieri d’arte.

Con la regia della Regione, il progetto è stato presentato in risposta al bando regionale del settembre scorso che, in attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, e intende stimolare la progettazione di questo tipo di corsi di formazione. Il progetto è stato selezionato dal bando regionale di settembre 2022.

“L’Emilia-Romagna- sottolinea l’assessore regionale alla cultura e paesaggio, Mauro Felicori- ha da subito raccolto la sollecitazione offerta dal Ministero della Cultura che, attraverso l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha posto attenzione al recupero e alla valorizzazione dei giardini storici”.

“Un’occasione unica- ha concluso Felicori- per creare nuove professionalità capaci di intervenire in giardini e parchi storici pubblici e privati e di curarne la manutenzione e la conservazione programmata, rispettandone le forme originarie e valorizzandone le peculiarità storiche, architettoniche, ambientali e paesaggistiche.”

L’attività formativa si svolgerà nel territorio della provincia di Parma, in particolare nella Villa Meli Lupi e nel relativo parco Villa Soragna, in località Vigatto, nel Comune di Parma. Il parco sarà un’aula a cielo aperto dove svolgere le parti pratiche e laboratoriali, mentre alcuni immobili di pertinenza della villa costituiranno lo spazio fisico dove formare gli operatori.

Il corso

L’iniziativa corsuale avrà una durata di 600 ore, di cui il 40% dedicate allo stage, da realizzarsi presso le imprese partner del progetto. Il percorso formativo sarà realizzato in collaborazione con una rete di imprese, che ha ritenuto che l’occasione formativa possa essere un valido strumento per assicurare la disponibilità sul territorio di competenze e professionalità che contribuiranno all’innovazione ed alla qualificazione delle imprese del settore.

L’accordo è stato sottoscritto anche dal Castello di Montechiarugolo, dall’Ente Parchi Emilia Occidentale – Casino Dei Boschi Di Carrega, da Palazzo Marchi, dal Comune Di Parma – Parco Ducale, dall’Università Di Parma – Orto Botanico.

Giardinieri d’arte

La professione dei “Giardinieri d’arte” ha come primo scopo la tutela di parchi e giardini storici, settore in crescita, grazie anche all’azione di volano generata dagli investimenti del PNRR, ma che manifesta una carenza in termini quantitativi di personale specializzato che possa effettuare una corretta e qualificata gestione in modo responsabile.

Il Giardiniere d’arte per giardini e parchi storici sarà in grado di intervenire nel processo di conservazione, rinnovamento, manutenzione e restauro di giardini e parchi storici, pubblici o privati, rispettandone le forme originarie e valorizzandone le peculiarità storiche, di cultura materiale, architettoniche, ambientali, paesaggistiche, attraverso l’utilizzo delle tecniche e dei materiali più idonei al tipo di intervento da realizzare.

Tutela e valorizzazione del verde sono lo stimolo principale per la creazione di una categoria di lavoratori ad alta specializzazione che, attraverso un percorso formativo adeguato, saranno protagonisti di un ampio progetto di crescita sostenibile del territorio.

Il lavoro degli operatori, infatti, manterrà intatti gli equilibri dei parchi, che sono piccoli ecosistemi oltre a rappresentare beni culturali importanti, espressione della storia e della cultura locali.