‘Anna e Alma: un diario e un violino nell’inferno di Auschwitz’

20

Giovedì 27 gennaio 2022 alle 17 incontro in sala Agnelli e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web

FERRARA – In occasione del Giorno della Memoria 2022, il Gruppo Scrittori Ferraresi propone la rilettura di due storie vere, quella di Anna Frank e quella della giovane violinista Alma, vittime dell”inferno di Auschwitz’ ma ancora ‘vive’ nel ricordo grazie alla scrittura e alla musica. L’appuntamento è per giovedì 27 gennaio 2022 alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara), e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web (per accedere clicca al link: https://cronacacomune.musvc2.net/e/t?q=4%3dDgHUIf%26x%3dR%261%3dXDSHX%261%3dTIZ%267%3d97Q2J_5xeq_F8_4rfw_D7_5xeq_EC9N0.V1L7Rn6.pLy_Idzb_Ss0t21KqC_5xeq_ECgdD_8tAQndkFtshGbbO6f2n8mLct%26A%3dyL6SoS.1B6%2606%3dXGVFZ&mupckp=mupAtu4m8OiX0wt). Nel corso dell’incontro, condotto da Gina Nalini Montanari, vicepresidente del Gsf, è prevista la lettura di brani tratti da “Il diario di Anna Frank” e “La violinista di Auschwitz”, di Ellie Midwood. Le letture saranno accompagnate dalle note di un violino.

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
Dai giovani del Gruppo scrittori ferraresi ci giungono due proposte di lettura per commemorare il Giorno della Memoria, le accogliamo con interesse e le proponiamo al pubblico. Sono due storie vere, la prima è quella di Anna, una ragazzina, la seconda quella di Alma, una giovane violinista. Tutti conosciamo ed abbiamo letto “Il diario di Anna Frank”, i giovani scrittori ferraresi propongono una rilettura di alcuni brani del famosissimo diario, in cui i dettagli della persecuzione nazista sono descritti minuziosamente e grazie alla sua scrittura percepiamo l’infanzia spezzata. Rileggere Anna Frank oggi, forse vuol dire rileggere le sue parole con uno spirito, reso più consapevole dalla recente esperienza della clausura collettiva.
Ogni giorno ad Auschwitz è una lotta per la sopravvivenza, Alma la violinista è intrappolata in un labirinto di filo spinato. Come sopravvivere all’orrore?
Anna morta ad Auschwitz sopravvive ancora oggi con la forza della scrittura, Alma, accomunata dallo stesso destino di Anna, sopravvive per amore e per la forza che le dona la musica.

L’accesso del pubblico alla Sala Agnelli è consentito con Green pass “rafforzato” e mascherina FFP2

Il programma completo degli appuntamenti culturali della biblioteca comunale Ariostea di Ferrara alla pagina: http://archibiblio.comune.fe.it