Analogo Digitale – vernissage New Digital Art Biennale

Premio Riccione per il Teatro: Nuova Biennale d’Arte Digitale a Riccione 1/11/2019

RICCIONE (RN) – Per la prima volta lo Spazio Tondelli ospiterà la Nuova Biennale d’Arte Digitale, che verrà inaugurata il 1° novembre alle 22.30 in occasione della prima giornata del 55° Premio Riccione per il Teatro. La mostra, allestita nel foyer del Tondelli, è a cura di WoWA-GalleriaDigitaleTemporanea, porta il titolo di Analogo Digitale e sarà visitabile durante tutta la durata della stagione teatrale 2019-2020.

Il tema scelto da WoWA per partecipare a questa edizione è, come da titolo, “analogo digitale”: un’esplorazione della realtà tangibile con gli occhi di chi vuole divertirsi con la dipendenza dalla rete e ingannare gli occhi troppo allenati alla vita online.

La Nuova Biennale d’Arte Digitale partecipa in rete, con più di cento realtà artistiche nel mondo, al circuito internazionale The Wrong – New Digital Art Biennale: un evento che si svolge da oltre dieci anni e che nella scorsa edizione è balzato agli occhi dei galleristi newyorkesi per scovare artisti emergenti e nuove forme d’arte.

Il vernissage è inserito nel programma del 55° Premio Riccione per il Teatro e seguirà Digital Desert, la sonorizzazione live del film di Michelangelo Antonioni Deserto Rosso; dopo una breve presentazione a cura di Annalisa Trapani, verranno proiettati tre cortometraggi di artisti internazionali e due spettacoli dal vivo di Flavio Scutti e Mara Oscar Cassiani, performer che ha recentemente vinto il primo premio all’edizione 2019 di Digitalive al RomaEuropa Festival.

Di seguito, i cortometraggi che verranno proiettati durante la serata di inaugurazione:

.The world as Will Against Despair di Camille Zehénne (FR)

.Reality Fragment 160921 del duo Qigemu (SE)

.Digital Traces di April Lin (SE)

Di seguito, le performance live:

.”APRèS-MIDI DE LA FAUNE” (2012)

performance che contrappone esibizione dal vivo e in remoto

di e con Mara Oscar Cassiani

coreografa e new media artist dal curriculum internazionale, già ospite alla Quadriennale di Roma e di casa al Santarcangelo Festival

.”Streaming” (2019)

live set audio video di Flavio Scutti

artista visivo e polistrumentista con un progetto ispirato alla permanenza delle leggende metropolitane sul web.

La mostra ospiterà inoltre le opere dei seguenti artisti:

Zander Porter & Tess Altman(US), Brüno Melo (BR), Carmel Barnea Brezner Jonas (DE/IL), Juergen Trautwein (DE), Flavio Scutti (IT), Camille Zéhenne (FR), Çağlar Tahiroğlu (FR/TR), Milos Peskir (SR), inserirefloppino (IT), Nim Shapira(IL) , April Lin (SE), David Guerrero (ES), Mara Oscar Cassiani (IT), Cinthya Escorcia (CO), Laura Nomisake (IT), Nicola Anthony (UK)

La mostra sarà visitabile negli orari di apertura della biglietteria dello Spazio Tondelli, prima e dopo gli spettacoli, e virtualmente dal sito www.wowa.it, connesso all’HUB the Wrong.org, immenso padiglione immateriale visitabile e navigabile solo ed esclusivamente dal primo novembre 2019 al primo marzo 2020.

(maggiori dettagli

https://www.facebook.com/events/1372981879530819/)