Alla scoperta degli alberi parlanti

30

Nel Parco Naturale Boschi di Carrega (PR), Blowing in the Woods coinvolge bambini e famiglie in una caccia al tesoro naturalistica

SALA BAGANZA (PR) – A 15 km da Parma, il Parco Naturale dei Boschi di Carrega è un luogo ricco di biodiversità che ha imparato dalle favole l’arte di nascondere e rivelare segreti. Nei suoi 1270 ettari di estensione fra il fiume Taro e il torrente Baganza, è come se gli alberi parlassero in una lingua tutta loro, che può essere compresa solo leggendo i messaggi custoditi in oltre 120 ampolle disseminate tra faggi, castagni e felci.
A quanto pare, i bambini sono gli esseri umani che meglio comprendono i pensieri della natura racchiusi nei contenitori del progetto Blowing in the Woods, inusuale caccia al tesoro in cui la fortuna non è sigillata in uno scrigno sotto terra ma si apre intorno agli occhi, passo dopo passo, offrendo allo sguardo il senso stesso di un’esperienza alla scoperta dell’importanza del rispetto dell’ambiente e dell’ecosostenibilità. È questo il tema attorno al quale ruotano le frasi impresse sui fogli contenuti dalle ampolle: chi trova i messaggi, può aggiungere la propria firma e riporli di nuovo nella custodia, per lasciare una traccia di sé e del passaggio, senza dimenticare di scattare una foto e condividerla sui social con l’hashtag #blowinginthewoods.
Anche se i Boschi di Carrega accolgono le indagini solitarie di piccoli avventurieri e baby esploratrici – con genitori al seguito – è comunque possibile prendere parte alle iniziative di ricerca organizzate talvolta da BenNature Trekking (https://www.bennaturetrek.com/) e alle passeggiate per famiglie in compagnia degli asinelli di Asini nel Cuore (http://asininelcuore.it/).