Alla Casa della Musica – Ben venga maggio sabato 11 maggio alle 18

9
PARMA – Erano la musica, il ballo e il canto a segnare i momenti più importanti della vita delle genti ed i cicli delle stagioni dell’Appennino.  Casa della Musica sabato 11 maggio dalle ore 18 vuole salutare l’arrivo della primavera con la tradizione del gruppo musicale Enerbia. Lo spettacolo sarà l’anteprima della rassegna “Sentieri Sonori dal Po all’Appennino“. Il concerto dal titolo “Ben venga maggio“ avrà come protagonista il gruppo Enerbia e permetterà di scoprire la musica dell’Appennino Emiliano, fatta di strumenti originali, come la piva, antica cornamusa a due bordoni, insieme al repertorio di danze e di canti di inesausta bellezza che ancora risuonano durante le feste del Cantamaggio.
Molti brani del repertorio antico e popolare sono infatti legati al rifiorire della natura in Primavera. Ancora oggi è possibile assistere a riti calendariali che segnano il ritorno della bella stagione con canti, danze e questue di cibo. Le feste iniziano nel periodo pasquale e proseguono in estate con allegri balli nei borghi più appartati. Il concerto vuole far rivivere queste atmosfere nel cuore di Parma: saranno presentate le antiche danze di gruppo in cerchio, che fanno parte del repertorio originale delle Quattro Province, tra cui gighe, piane, alessandrine e sestrine, a cui saranno accostati brani dalle raccolte anonime di danze che trovano una prima sistematizzazione e trascrizione tra Cinquecento e Seicento per diffondersi poi in tutta Europa. Chiuderanno il programma delicati valzer tardo ottocenteschi, legati alle serenate notturna e alle festa campestre: sono le atmosfere delle feste nelle corti rurali della pianura, quelle raccontate da celebri film quali Novecento di Bernardo Bertolucci e I cento chiodi di Ermanno Olmi. Anche le splendide canzoni popolari evocheranno i fiori con la loro simbologia, l’ebbrezza del vino e dell’amore.
Lo strumentario è tra i protagonisti del concerto con l’uso degli straordinari strumenti che sono una delle peculiarità della tradizione dell’Appennino emiliano. Risuonerà il timbro pastorale della piva, la cornamusa a due bordoni, insieme a quello più boschivo dell’oboe popolare, ancora oggi utilizzati nel repertorio di danza insieme a quello più dolce de violino, accompagnati da chitarra e fisarmonica.
Un concerto con il sostegno del Comune di Parma e della Fondazione Cariparma che annovera altre partnership, in primis quella con la Comunità di San Francesco del Prato. Proprio San Francesco del Prato accoglierà infatti il secondo appuntamento della rassegna il 16 giugno, nella settimana di eventi previsti per il solstizio d’estate, dopo il successo del concerto-evento del 26 dicembre scorso. Tra le altre collaborazioni quella con il Museo Guatelli, con l’AEVF, con il Cammino Val Ceno e la Via degli Abati.
Lo spettacolo rientra tra i progetti selezionati e sostenuti dal Comune di Parma nell’ambito dell’avviso pubblico esplorativo indetto dal Settore Cultura per l’assegnazione di contributi ad attività culturali per l’anno 2024. 
Gruppo Enerbia è stato invitato nei maggiori festival culturali italiani oltre ad effettuare concerti in Svizzera, Austria, Francia, Inghilterra, Stati Uniti. Negli ultimi anni le produzioni legate all’arte e alla letteratura sono state ospitate al Museo S. Agostino di Genova, all’Oratorio San Filippo Neri-Fondazione Monte di Bologna, alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, al Museo del Novecento di Milano, all’Auditorium Santa Cecilia e al Museo della Arti e Tradizioni di Roma, al Museo Poldi Pezzoli di Milano con Serate Musicali, al Museo Guatelli di Parma, al Museo Verdiano Casa Barezzi di Busseto, al Festival MITO di Milano, al Festival di Poesia di Genova, al Festival Settembre Musica di Torino, al Festival Altura del Lago Maggiore, al Festival Voces del Lago di Como, al Festival Internazionale delle Cinque Terre, al Festival Entroterre di Bologna, al Festival Mare Aperto di Lecce, al Festival Suoni della Murgia di Bari, al Festival Adriatico Mediterraneo di Ancona. Ha collaborato con esponenti del mondo della cultura quali Ermanno Olmi, Giuseppe Bertolucci, Marco Bellocchio, Emilia Lodigiani, Paolo Rumiz, Michele Serra, Luca Scarlini
GRUPPO ENERBIA
Maddalena Scagnelli, violino e voce
Nicola Rulli, chiatarra e mandorla
Carlo Gandolfi, piva (cornamusa emiliana) e piffero (oboe popolare dell’Appennino)
Franco Guglielmetti, fisarmonica
Il concerto “Ben venga maggio” del gruppo Enerbia saluterà in musica l’arrivo della bella stagione e farà da  anteprima al percorso Sentieri Sonori dal Po all’Appennino.
 
Appuntamento alla Casa della Musica sabato 11 maggio alle 18 ad ingresso libero.