Al via la sesta edizione de “Il teatro e il Benessere”

17
il teatro e il benessere

Giovedì 17 marzo 2022 al Centro Teatro Universitario (via Savonarola 19, Ferrara). L’ass. Coletti: “Iniziativa lodevole a sostegno dei malati e delle loro famiglie”

FERRARA – A partire da giovedì 17 marzo 2022, prende inizio per l’anno 2022 il progetto laboratoriale “Il teatro e il Benessere”, rivolto a persone con malattie neurodegenerative, caregivers familiari e non, con la partecipazione di studenti universitari, promosso dal Comune di Ferrara Assessorato alle Politiche Sociali, ASP Centro Servizi alla Persona, Centro Teatro Universitario di Ferrara e col contributo di CGIL-SPI e CISL.

Il laboratorio è condotto da Michalis Traitsis, regista e pedagogo teatrale, in collaborazione artistica con Patrizia Ninu, educatrice professionale di Balamòs Teatro e si terrà ogni giovedì articolandosi in  due gruppi: il primo  gruppo dalle 14 alle 16 e il secondo gruppo  dalle 17 alle 19. L’attività si svolgerà al Centro Teatro Universitario di Ferrara in via Savonarola  19.

“Rimanere sempre al fianco dei caregiver familiari è una priorità di questa Amministrazione” ha detto l’assessore alle Politiche Sociali Cristina Coletti “perciò non posso far altro che lodare l’impegno di chi, come Michalis Traitsis e Patrizia Ninu, di anno in anno portano avanti in collaborazione con le istituzioni locali la loro attività di sostegno del benessere psicofisico di queste persone che svolgono un ruolo fondamentale nella nostra società. “

“Il teatro e il benessere”, giunto alla sua sesta edizione  è  un percorso fisico ed emotivo dove poter esprimere sensazioni, emozioni e pensieri legati al lavoro di cura, sia dal punto di vista del curante che dell’assistito. Il laboratorio teatrale si connota come una sorta di “spazio sospeso” in cui  lasciare la quotidianità  per esplorare uno spazio-tempo extra quotidiano, segnato fortemente dalla ricerca di ritualità, dalla scoperta di un linguaggio diverso nelle relazioni recuperando, ciascuno in base alla propria soggettività, una dimensione emozionale.

La finalità è quella di  creare una condizione di benessere per tutti, con la possibilità di  condividere i benefici del fare teatro con tutta la comunità.

La metodologia proposta non prevede copioni preconfezionati ma prende spunto da suggestioni, immagini, reazioni dei partecipanti agli stimoli indotti attraverso musiche, canti, improvvisazioni, esercizi teatrali. La rappresentazione finale risulta dunque intrinseca ai temi emersi durante il percorso di laboratorio.

Il gruppo si impegnerà anche in “full immersion”  in alcuni fine settimana, nell’imminenza della preparazione dell’evento teatrale,  con il desiderio ogni volta di ritrovarsi, prendersi cura l’uno dell’altro attraverso il teatro. Il progetto terminerà nel mese di Giugno e si concluderà con la presentazione di uno spettacolo teatrale.

In riferimento all’esperienza laboratoriale iniziata nel 2015 sono stati prodotti i video documentari a cura di Marco Valentini, “Storie in bilico” (2015), “Funamboli” (2016), “Altrove” (2017), “Che cos’è l’amor… epistolari d’amore” (2018), “Un condominio particolare” (2020) rispettivamente i titoli degli spettacoli teatrali esiti finali delle cinque precedenti edizioni del progetto e le relative mostre fotografiche di Andrea Casari, che sono stati presentati in manifestazioni pubbliche al termine di ogni progetto.

Per info sul progetto: http://www.balamosteatro.org/teatro-e-salute-la-sesta-edizione-del-progetto-il-teatro-e-il-benessere/