Al via i lavori per il nuovo “Giardino dei Musei” di Forlì

29

comune di forlìL’entusiasmo dell’Ass.re Cicognani: “restituiremo alla città un polmone verde di circa 4.500 mq”

FORLÌ – Lunedì 28 settembre avranno inizio i lavori di realizzazione del “Giardino dei Musei”, che sostituirà il parcheggio scoperto a raso di piazza Guido da Montefeltro.

A illustrare nel dettaglio il progetto è l’Ass.re ai lavori pubblici Vittorio Cicognani: “l’allestimento del cantiere richiederà circa 3 settimane; per la prima settimana la viabilità resterà sostanzialmente inalterata in quanto i lavori riguarderanno solo la recinzione lato Piazza Dante – Guardia di Finanza, e saranno pertanto vietati il transito e la sosta solo nella corsia corrispondente. A partire da lunedì 5 ottobre è prevista la chiusura integrale del parcheggio scoperto, sia per la sosta che per il transito, al fine di completare la delimitazione del cantiere. Contestualmente alla chiusura al transito del parcheggio, sarà sospeso il funzionamento del varco ZTL di via Theodoli per consentire l’utilizzo a tutti i veicoli della viabilità alternativa di uscita dal Centro Storico individuata con percorso via Theodoli – Via Pace Bombace – Via Caterina Sforza. Il parcheggio coperto (sotto la cosiddetta Barcaccia) rimarrà invece sempre regolarmente fruibile dall’utenza con accesso da Via Romanello – Via Andrelini e uscita da Via Andrelini – Via C.Sforza (qualora, per garantire le lavorazioni in sicurezza nell’area adiacente, si rendessero necessarie eventuali chiusure temporanee di breve durata saranno comunicate con opportuno anticipo). Sarà in ogni caso collocata lungo la viabilità urbana segnaletica integrativa di indirizzamento verso i parcheggi alternativi esistenti in zona, in particolare il Parcheggio dell’Argine.”

“I lavori prevedono nella prima fase le bonifiche di alcune porzioni dell’area (bonifica bellica, con ricerca di eventuali ordigni inesplosi, e bonifica ambientale del terreno) necessarie ad attestare la sicurezza dell’area per l’esecuzione dei lavori principali. In tale fase, e più in generale, potranno esservi periodi con assenza di lavorazioni in loco in attesa dell’espletamento di altre tipologie di attività previste dal cronoprogramma complessivo (ad esempio analisi del terreno prelevato, valutazioni e pronunciamenti da parte degli enti competenti).

Successivamente potranno iniziare i lavori principali: il progetto prevede la demolizione della pavimentazione e delle strutture in cemento armato del parcheggio scoperto e la conversione in giardino urbano; si realizzeranno uno spazio verde con zone a prato, la piantumazione di nuove alberature, un percorso ciclo-pedonale di collegamento fra via Theodoli e via Andrelini, percorsi pedonali di collegamento con la barcaccia ed il complesso museale e la predisposizione di un sistema per la videosorveglianza del nuovo Giardino.”

“Il progetto, teso a riqualificare e valorizzare piazza Guido da Montefeltro” – prosegue Cicognani – “consentirà di incrementare la superficie permeabile dall’attuale 6% a circa il 70% creando un’area verde di circa 4.500 mq e arricchendo la dotazione di spazi pubblici in centro storico; per gli speciali criteri applicati al ripristino di suolo, il “Giardino dei Musei” è inquadrato nel progetto europeo SOS4LIFE che intende contribuire alla strategia comunitaria dello zero consumo di suolo. Il progetto ha ottenuto anche il prestigioso Premio Urbanistica, indetto dalla rivista scientifica dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, nella categoria “Innovazioni tecnologiche per la gestione urbana”. L’intervento è cofinanziato con risorse comunali e statali e gode del prezioso contributo della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.”

“Si tratta di un progetto lungamente atteso per riqualificare l’area su cui affacciano i Musei San Domenico che da 15 anni rappresentano uno dei principali attrattori turistici della città ed uno dei suoi più efficaci motori di sviluppo” – conferma il Presidente della Fondazione Roberto Pinza – “Siamo quindi lieti di poter contribuire alla sua realizzazione, assicurando che continueremo ad accompagnare gli interventi di natura urbanistica, sul fronte culturale, con nuovi progetti di respiro nazionale ed internazionale, come le già annunciate mostre Essere umane e Dante. La visione dell’arte”.

“Il completamento dei lavori” – conclude l’Ass.re Cicognani – “è previsto entro giugno 2021”.