Ai Giardini d’estate “Arturo racconta Brachetti”

10

Venerdì 6 agosto l’uomo dai mille volti si presenta senza maschera. Giovedì 5 va in scena la danza con “Powder” e sabato 7 l’innovazione con “Digitali si diventa”

Arturo Brachetti

MODENA – Arturo Brachetti, l’uomo dai mille volti, arriva ai Giardini d’estate mostrandosi, per una volta, senza maschere e trasformismi. Venerdì 6 agosto, alle 21, l’artista torinese, capace di diventare innumerevoli personaggi in un battito di ciglia, si presenta nel talk “Arturo racconta Brachetti. Intervista frizzante tra vita e palcoscenico”, un incontro speciale fatto di confidenze, ricordi e viaggi fantastici. Brachetti porterà il pubblico nel “dietro le quinte” della sua vita, dal debutto ai viaggi intorno al mondo, fino alla vita quotidiana, attraversando allo stesso tempo la storia del varietà, del teatro e delle arti circensi. L’appuntamento, a cura di Emilia Romagna Teatro Fondazione, è a pagamento (il biglietto costa 7 euro).

La settimana ai Giardini ducali propone altri due appuntamenti: giovedì 5 agosto con la danza e sabato 7 agosto con una conversazione sull’innovazione digitale.

Giovedì 5 agosto, alle 21, sarà di scena la compagna Petrillo Danza con “Powder” (Polvere), una coreografia creata da Loris Petrillo, coreografo riconosciuto a livello internazionale che si caratterizza per una particolare sensibilità alla materia corporea. E “Powder” si sviluppa, appunto, da una riflessione sulla relazione tra il corpo e la polvere e sul corpo-polvere. Lo spettacolo è una produzione Twain centro di produzione danza regionale ed è coprodotto da Fondazione Teatro comunale di Modena. Lo spettacolo è a ingresso libero su prenotazione.

Nella serata di sabato 7 agosto, alle 21, è in programma l’incontro “Digitali si diventa”, un dialogo tra Luca De Biase, giornalista caporedattore di Nòva24 (Il Sole 24 ore) e Daniele Francesconi, responsabile del progetto culturale di Ago Modena fabbriche culturali. Un confronto sull’impatto delle tecnologie sulla vita culturale e sulle trasformazioni che il digitale ha innescato in tutti gli ambiti della società.

Tutti gli spettacoli, anche quelli a ingresso gratuito sono su prenotazione. Ci si può prenotare via mail (biglietteria@emiliaromagnateatro.com), presso la biglietteria del teatro Storchi (059 2136021) da martedì a venerdì dalle 10 alle 14; il sabato dalle 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19, direttamente ai Giardini, la sera stessa, a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

A partire da venerdì 6 agosto compreso, per accedere agli spettacoli, sia all’aperto che al chiuso, sarà necessario esibire il Green pass (in formato cartaceo o digitale) insieme al biglietto d’ingresso. L’accesso all’evento non sarà consentito in presenza di sintomi collegabili al Covid-19 e in assenza di Green pass e di documento d’identità. Chi è sprovvisto di Green pass e ha acquistato un biglietto per la rassegna prima dell’entrata in vigore del decreto legge n.105 del 23 luglio 2021, può richiedere il rimborso presso la biglietteria del Teatro Storchi .

La rassegna “I Giardini d’estate” è promossa dal Comune di Modena nell’ambito dell’Estate modenese 2021, e affidata per il secondo anno consecutivo a Emilia Romagna Teatro Fondazione; la rassegna è realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale Luciano Pavarotti, con il sostegno di Fondazione di Modena e del Gruppo Hera, e con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Il programma completo è scaricabile dal sito del Comune (www.comune.modena.it/estate2021).