6 luglio: agli “Aperitivi della conoscenza” si parla del bilancio del carbonio nella provincia di Parma

12

Mercoledì alle 17.30 al ParmaUniverCity Info Point. Relatore Alessandro Petraglia

PARMA – Il bilancio del carbonio nella provincia di Parma: il primo passo nel percorso verso la neutralità carbonica. Questo il titolo del prossimo appuntamento degli Aperitivi della conoscenza, gli incontri divulgativi del mercoledì dell’Università di Parma.

Mercoledì 6 luglio alle 17.30 al ParmaUniverCity Info Point, il punto di informazione e accoglienza dell’Ateneo nel Sottopasso del Ponte Romano, ne parlerà Alessandro Petraglia, docente del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale.

Questo l’abstract dell’incontro: “L’anidride carbonica e gli altri gas serra sono i principali protagonisti del riscaldamento dell’atmosfera. La loro concentrazione è aumentata negli ultimi 200 anni e continua ad aumentare; con questo ritmo l’atmosfera del nostro pianeta potrebbe scaldarsi di altri 3° entro la fine del ventunesimo secolo. Per contrastare questo incremento e invertire la tendenza è necessario ridurre le emissioni. Per pianificare interventi e investimenti per ridurre le emissioni serve sapere quanto emettiamo e quali settori economici sono maggiormente responsabili. E siccome le azioni possono essere pianificate e realizzate localmente, è necessario che ciascun territorio conosca il proprio bilancio del carbonio, cioè la differenza tra anidride carbonica emessa dalle attività antropiche e anidride carbonica assorbita dalle piante. La provincia di Parma è la seconda provincia italiana a dotarsi di questo strumento. I dati che costituiscono questo bilancio sono alla base del percorso che porterà la nostra provincia a raggiungere la neutralità carbonica nel 2030”.

Gli “Aperitivi della conoscenza” sono aperti a tutti gli interessati e sono a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Info:

https://www.facciamoconoscenza.unipr.it/

Gli “Aperitivi” sono presenti anche sui canali social Facebook, Instagram e Twitter “Facciamo conoscenza”.