6 e 7 Gennaio 2022 al Teatro Fondazione Collegio San Carlo

5
Isabella Gilli

MODENA – Con uno dei capolavori mozartiani, Die Zauberflöte (Il flauto magico), in una versione rivisitata per narratore, voci e ensemble da camera, si inaugura il 2022 del cartellone musicacantoparola, giovedì 6 gennaio, alle ore 18 presso il Teatro Fondazione Collegio San Carlo: una favola per i più piccoli ma anche un misterioso racconto per gli adulti, uno dei massimi esempi di ‘illuminismo musicale’ dove Ragione e Istinto, incarnati dai vari personaggi, si incrociano e si evolvono lungo un cammino iniziatico carico di simbologie.   Interpreti di questo lavoro saranno un cast di giovani e brillanti voci, la scrittrice e musicista Anna Rollando, che ha curato la drammaturgia e l’ensemble da camera Momus sotto la direzione di Stefano Seghedoni.

Biglietto Faidaté, da 0 a 10 euro secondo disponibilità, responsabilità e gradimento
Prenotazione via mail a segreteriagmimo@gmail.com

IL PRINCIPE, IL MAGO E IL FLAUTO MAGICO
personaggi ed interpreti:
Pamina/Papagena Isabella Gilli
Astrifiammante Solomia Lukyanets
Tamino/Monostatos Xia Pengfei
Papageno Nejat Isik Belen
Sarastro Luca Gallo
Ensemble da camera Mo-Mus
Direzione Stefano Seghedoni

Venerdì 7 gennaio,  alle ore 18 presso la sala Ex-Oratorio di Palazzo dei Musei, Anna Rollando, scrittrice e musicista, in dialogo con Stefano Seghedoni e con i preziosi interventi musicali dell’arpista Morgana Rudan,  presenterà il suo ultimo libro: LE INVISIBILI SIGNORE DELLA MUSICA Storie vere di artiste di talento (2021 ed. Graphofeel). Anna Rollando ci parlerà di musica, stavolta da un punto di vista femminile, passando in rassegna vite e storie di grandi musiciste e compositrici, spesso rimaste nell’ombra e costruendo un affresco appassionato e appassionante.

Biglietto Faidaté, da 0 a 10 euro secondo disponibilità, responsabilità e gradimento
Prenotazione via mail a segreteriagmimo@gmail.com

Seguono biografie
Isabella Gilli, 22 anni, nasce in provincia di Modena. A 10 anni entra nel coro voci bianche del Teatro comunale Luciano Pavarotti Freni di Modena, dove inizia ad approcciarsi al canto e ha l’opportunità di partecipare a varie produzioni per bambini, lavorando accanto a cantanti lirici professionisti. Inoltre partecipa ad alcuni capolaviori operistici come comparsa o cantando nel coro voci bianche.
Terminato il liceo inizia un percorso di studi nell’alta formazione musicale all’Istituto Peri-Merulo di Reggio Emilia, dove ha occasione di partecipare a vari concerti e produzioni organizzate dall’istituto studiando con la Maestra Sonia Ganassi, cantante di fama internazionale.

Nejat Isik Belen è nato ad Ankara,Turchia nel 1978, ha studiato canto presso il Hacettepe Università Conservatorio Statale d’Ankara e si è laureato dal Conservatorio A. Casella del L’Aquila nel 2008. Attualmente collabora con Oper im Berg Festival di Salisburgo e fa parte della compagna stabile di canto nel Teatro dell Opera Statale di Samsun,Turchia.

Anna Rollando nasce a La Spezia; si diploma in Viola con il m.° L.Patrignani al Conservatorio ‘G.Verdi’ di Milano.
È autrice dei libri ‘ Le invisibili Signore della musica. Storie vere di artiste di talento’, ‘Applaudire con i piedi. Segreti e curiosità della musica colta’ e ‘Applaudire con i piedi 2. Il difficile e meraviglioso mestiere della musica’ editi da Graphofeel e di ‘Assolo’ edito da DinoAudino editore. Tiene lezioni e incontri di divulgazione musicale nelle scuole, biblioteche, centri culturali e librerie in tutta Italia. Si occupa delle presentazioni musicologiche dei concerti nelle stagioni musicali 2018/2019, 2019/2020, 2020/2021 presso l’Auditorium Ennio Morricone all’Università di Roma Tor Vergata, Macroarea di Lettere e Filosofia.
È docente presso il Corso Preaccademico di Viola della Centro Diffusione Musica di Tivoli (RM). Esercita inoltre la sua attività di docente, di viola e violino, nonché di teoria musicale in diverse scuole di musica della capitale, con mirati e specifici approcci didattici rivolti ai bambini, dai 5 anni in avanti, e agli adulti.

Luca Gallo ha studiato con il M.o Paride Venturi: successivamente conseguirà la laurea al D.A.M.S. musica con una laurea su di lui e il suo metodo di canto. Nel 1993 vince il concorso “Mattia Battistini” debuttando come Ferrando (Trovatore). Nel 2022 sarà in Otello, Lucrezia Borgia e Andrea Cheniér. Ha cantato con direttori quali Juraj Valčuha, F.Luisi, M.Mariotti, G.Ferro, D.Renzetti, P.Maag, R.Tolomelli, B.Campanella, J.Neschling, E.Mazzola, Y.David, K.Martin, S.Ranzani, M.Stefanelli, L.Koenigs, M.Boemi, T.Severini, S.Mercurio, C.Palleschi e lavorato con registi quali P.L.Pizzi, I.Guerra, A.Fassini, B.de Tomasi, R.Carsen, R.Cucchi G.Deflo, D.Krief, E.Dara, P.F.Maestrini, J.Miller, O.Nitzan, U.Santicchi, H.Brockhaus, F.Micheli, R.Cucchi, P.Trevi.

Stefano Seghedoni è nato a Modena nel 1970, si è diplomato in Composizione presso l’Istituto Musicale Pareggiato “Orazio Vecchi” di Modena e in Direzione d’orchestra presso il Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna. Come compositore ha ricevuto riconoscimenti in concorsi e festival italiani ed internazionali.  Come direttore si è esibito in numerosi teatri italiani ed esteri collaborando con le seguenti orchestre: Orchestra dell’Opera Italiana, Orchestra Sinfonica della Fondazione “Arturo Toscanini” di Parma, Gli ottoni dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’Orchestra Nazionale della Rai, Orchestra da Camera del Teatro Comunale di Modena “Luciano Pavarotti”, Franz Liszt Chamber Orchestra (Budapest), Seoul Philharmonic Orchestra, Mostly Philharmonic Orchestra (SEOUL) , Prime Philharmonic Orchestra (SEOUL), Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Varna (Bulgaria), Brest Regional Philharmonic Orchestra (Bielorussia), Orchestra Sinfonica “G. Rossini” di Pesaro, Sinfonica della Vojvodina, e Coro e Orchestra del Teatro Nazionale Serbo di Novi Sad (Serbia), Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Kharkov e Orchestra Filarmonica di Kharkov (Ucraina), I Solisti di Perugia, I Musici di Parma, Orchestra Filarmonica di Nizza (Principato di Monaco). Dalla stagione 2014 Stefano Seghedoni è stato nominato “Principal Guest Conductor” del Teatro dell’Opera di Varna. Nel 2015 e 2016 è stato ospite del Mese della musica dirigendo presso il Duomo di Milano l’oratorio “Sedecia” di A. Scarlatti e il dittico “Mese Mariano” di U. Giordano (in forma semi-scenica) – “La risurrezione di Cristo” di L. Perosi. Nell’ottobre 2016 è stato invitato quale Guest Conductor presso il Teatro di Corte di Meiningen per dirigere una nuova produzione de “Il barbiere di Siviglia” di G. Rossini. Nel gennaio 2017 ha diretto “Gianni Schicchi” di G. Puccini durante la stagione d’opera del Teatro Comunale “L. Pavarotti” di Modena, con la regia di Stefano Monti.

Morgana Rudan, nasce a Modena nel 2000. Intraprende lo studio dell’arpa all’età di sette anni presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Modena sotto la guida del Maestro Davide Burani. Con quest’ultimo prosegue i suoi studi presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia, dove nel 2020 ottiene il Diploma Accademico di I° livello in arpa con il massimo dei voti e la lode.  Nel 2017 ha partecipato alla International Summer School Harp Master PRO organizzata dall’arpista Irina Zingg e condotta da Milda Agazarian, della Russian Music Academy di Mosca. Morgana ha inoltre partecipato a numerosi concerti come solista, in formazioni cameristiche e come membro d’orchestra. Collabora con varie orchestre tra cui: l’Orchestra Filarmonica “Arturo Toscanini”, l’Orchestra Filarmonica dell’Opera Italiana “Bruno Bartoletti”, l’Orchestra “Città di Ferrara”, l’Orchestra Filarmonica delle Terre Verdiane, l’Orquestra Simfónica De Les Illes Baleares, l’Orchestra “Senzaspine” di Bologna e l’orchestra del Collegium Musicum Almae Matris di Bologna. Ha partecipato a concerti dell’Orchestra Giovanile Nazionale Sinopoli con la quale si è esibita in Senato nel dicembre 2016, al Teatro Bellini di Catania nel 2017 e all’Auditorium Agnelli Lingotto a Torino nel 2018. Ha inoltre preso parte a diversi concerti in Irlanda ed in Francia come Guest Member della Youth Irish Harp Orchestra, fondata e diretta dalla Dott.ssa Janet Harbison dell’Università di Derry in Ulster. A partire dal 2018, con il chitarrista Roberto Guarnieri, come Duo ClaroScuro ha ottenuto il 1° Premio in vari concorsi nell’ambito della categoria di musica da camera tra cui il X concorso internazionale di arpa “Marcel Tournier” (Cosenza, 2018), il concorso chitarristico “Andres Segovia” (Pescara, 2019), il V concorso chitarristico nazionale “Davide Lufrano Chaves” (Prato, 2019), l’International Music Competition “Grande Prize Virtuoso” (Bruxelles, 2019), il IX Concorso Nazionale Musicale “MusicArte” (Ozegna, 2021), il Concorso Internazionale Musicale “Città di Pesaro” (2021), il VI Concorso Internazionale di Musica Città Murata (Cittadella, 2021), il XXXVIII Concorso Internazionale di Musica “Città di Stresa” (2021) e il XXII Concorso Musicale Nazionale Città di Barcellona P. G. (2021).

Giovedì 6 gennaio | ore 18 | Teatro Fondazione Collegio San Carlo
Il Principe, il Mago e il Flauto magico | Un’avventura ispirata a “Il flauto magico” di W. A. Mozart
Testo e narrazione Anna Rollando | Voci e ensemble da camera MoMus | Arrangiamenti e direzione Stefano Seghedoni

Venerdì 7 gennaio | ore 18 | Sala Ex-Oratorio, Palazzo dei Musei
Le invisibili signore della musica. Storie vere di artiste di talento

Anna Rollando, scrittrice e musicista, in dialogo con Stefano Seghedoni | interventi musicali a cura di Morgana Rudan