25 novembre: giornata di studi online “Eco-Romanticism: Human-Nonhuman Conversations”

4

Dalle 9 su Teams, intervengono studiosi italiani e stranieri di Romanticismo inglese

PARMA – Si parlerà di “Eco Romanticismo” giovedì 25 novembre su Teams, in una giornata di studi online organizzata dal Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell’Università di Parma.

Eco-Romanticism: Human-Nonhuman Conversations il titolo della giornata, che mira a sviluppare una riflessione condivisa sul tema dell’attenzione ambientale e, in particolare, dei rapporti fra dimensione umana e non-umana nella letteratura fra Sette e Ottocento, mettendone in luce la portata innovativa e l’estrema attualità. Vi parteciperanno studiosi italiani e stranieri di Romanticismo inglese.

Questo il link per partecipare, sulla piattaforma Teams: https://bit.ly/300CPyD

L’appuntamento, organizzato dai docenti di Letteratura inglese dell’Università di Parma Gioia Angeletti e Diego Saglia, si inserisce nel contesto delle attività promosse dal Centro Interuniversitario per lo Studio del Romanticismo (CISR), e prosegue il percorso inaugurato con l’incontro Rooting Eco-Criticism: British Romanticism and the Environment del 13 novembre 2019.

La sessione mattutina (Eco-Engagements), a partire dalle 9, sarà moderata da Serena Baiesi dell’Università di Bologna. Interverranno Franco Nasi dell’Università di Modena e Reggio Emilia (An Epistemology of Silence: Walt Whitman’s Ecopoetics), Antonella Riem dell’Università di Udine (Samuel Taylor Coleridge’s Organicism and Environmentalism in“This Lime-Tree Bower My Prison”), Kate Rigby della Bath Spa University (Goethe’s Italian Gleanings: Eros, Ecology and Sympoiesis), David Higgins della Leeds University (Thomas Bewick’s Ecomimesis).

Alle 14 la sessione pomeridiana, Eco-Romantic Italies, moderata da Lilla Maria Crisafulli dell’Università di Bologna, con interventi di Fiona Stafford della University of Oxford (On Love and Leaves: Shelley, Italy and the Environment), Susan Oliver della University of Essex (Transformative Geologies: Scott, Byron and the Stones of Italian Romance), Gioia Angeletti dell’Università di Parma (“Nature never disappoints”: Human/Nonhuman Dialectics in LadyMorgan’s Italy) e Diego Saglia dell’Università di Parma (The British Romantics’ Northern Italy as a Human/Nonhuman Assemblage)

Info e contatti

diego.saglia@unipr.it
gioia.angeletti@unipr.it