22°EmiliaRomagnaFest: “Libertà della musica: Gipsy Music e improvvisazioni classiche” l’11 luglio a Imola

31
Balazs Janos

IMOLA (BO) – Lunedì 11 luglio presso la Rocca Sforzesca di Imola (BO) alle ore 21.30, la seconda delle due giornate del mini-festival “György Cziffra Days”, che celebra i 100 anni dalla nascita di György Cziffra, figura unica tra i pianisti di fama mondiale, nato nel 1921. Il pluripremiato pianista ungherese János Balázs e il Sárközy Lajos Jr Ensamble presenteranno l’eredità di Cziffra sotto un aspetto raramente ascoltato: l’improvvisazione nella musica classica. Dopo Londra, Parigi e Vienna, Imola sarà quindi il luogo dell’emozione senza limiti, libertà e tecnica raffinatissima, caratteristiche del pianismo di György, poi divenuto noto al mondo come ‘Georges’ Cziffra.

Nel concerto dell’11 luglio “Libertà della musica: Gipsy Music e improvvisazioni classiche”, János Balázs e il Sarkozy Lajos Jr Ensemble offriranno al pubblico l’esperienza unica di un concerto in cui la musica classica incontra l’improvvisazione e la musica gipsy, con sonorità che vanno da Béla Bartók a Puccini, da Pablo de Saresate a Haydn, da Strauss a Liszt e molto altro ancora.

D’altronde, la reputazione stellare di Balázs deve molto al suo desiderio di vedere oltre le definizioni dei generi musicali e al suo talento per l’improvvisazione, che ne ha fatto uno dei più acclamati pianisti della scena musicale classica ungherese, mentre l’origine della sua passione è da ricercarsi proprio nella musica di Cziffra, suo “eroe ispiratore” che ascoltava mentre imparava a suonare il pianoforte.  E nel 2016, in omaggio al suo idolo, Balázs ha fondato il Festival Georges Cziffra , di cui è oggi è il direttore artistico e che sin da allora è uno dei più prestigiosi eventi di musica classica in Ungheria. All’età di 31 anni Balázs è stato insignito del Premio Kossuth, il più alto riconoscimento culturale del suo Paese.

il Sárközy Lajos Jr Ensamble nasce dalla passione di Lajos Sárközi Jr. discendente di una famiglia di sette generazioni di musicisti, che ha iniziato a suonare il violino a soli cinque anni. Ha imparato la musica gitana ungherese nell’ensemble del padre e in seguito ha fondato un proprio gruppo. All’età di 17 anni è stato invitato a dirigere l’Orchestra Filarmonica Nazionale, dove ha potuto suonare con il più popolare pianista e direttore d’orchestra ungherese, Zoltán Kocsis. Nel 2015, la società musicale lo ha eletto capo dell’Orchestra Filarmonica Gipsy, direttore artistico e primate principale. È stato in tournée negli Stati Uniti con il sassofonista di professione jazz/pop, meritatamente famoso, Tim Ries (Rolling Stones). La sera, suona nel più antico ristorante di Budapest, il Százéves Étterem (Ristorante dei cento anni), dove ospiti nazionali e stranieri e artisti di spicco vengono solo per ascoltare la musica della band tra cui i Berliner Philharmoniker, Gidon Kremer, Béla Szakcsi Lakatos, Tim Ries, Nigel Kennedy e molti attori, professori e artisti di fama mondiale. Il suo gruppo, dove lui suona come primo violino insieme a Lajos Sárközi Sr. (secondo violino), Gyula Bóni (viola), Rudolf Sárközi (contrabbasso) e Gyula Csík (cimbalom) partecipa costantemente alla vita dei prestigiosi festival ungheresi (Kapos Festival, Cziffra Festival e Festival Academy).

Prima del concerto, dalle ore 20.00 sarà possibile visitare la mostra temporanea di manifesti “Qualcuno da conoscere e ricordare” (prenotazione a ERF 0542 25747).

In caso di maltempo: Sala Grande del Museo Diocesano

Grazie al sostegno di:

Per Cziffra 100, Miniszterelnökség e Bethlen Gàbor /Alapkezelö Zrt.

Città di Imola, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola

Ingresso
Intero intero € 10

Ridotto over 65 e fino ai 25 anni € 7

Studenti fino a 25 anni € 5

Gratuità fino a 10 anni.

Programma

BÉLA BARTÓK

Román népi táncok (Danze popolari romene)

FRANZ JOSEPH HAYDN

Gypsy Rondo

Sinfonia in sol maggiore n. 3

  1. SÁRKÖZY

Fierce Dance

FRANZ LISZT

Medley (Liebesträume – Fantasia su temi popolari ungheresi – Ungarische Rhapsodien n. 2)

MICHEL LEGRAND

Les parapluies de Cherbourg

PABLO DE SARASATE

Zigeunerweisen op. 20

PUCCINI/BALÁZS

Aria di Lauretta

PONCE/BALÁZS

Estrellita

BRAHMS/CZIFFRA/BALÁZS

Danze ungheresi n. 5

FRANZ LISZT

Ungarische Rhapsodien n. 2

  1. STRAUSS/BALÁZS

Reminiscences paraphrase 

Curricula artisti

János Balázs ha partecipato a diversi festival in molti paesi tra gli altri, al FestivaList (Grottammare, Italia), Liszt Festival Raiding (Austria), Liszt Festival Utrecht (Paesi Bassi), Fermo Liszt Festival (Italia), Bartók International Festival di Ankara, e Settimana Internazionale del Conservatorio di San Pietroburgo. In Ungheria, si è esibito in festival come il Festival di Primavera di Budapest, CAFe Budapest, Musica del nostro tempo, il Giorno del Silenzio, Arcus Temporum, e ArTRIUM, così come il Festival Internazionale dell’Opera di Miskolc, il Tiszadob Piano Festival, il Seminario Internazionale Bartók e Festival di Szombathely, il Festival Beethoven di Szombathely organizzato dall’Orchestra Filarmonica Nazionale, il BFZ Stravinsky Marathon, e ai Giorni della Fioritura e il Festival della Terra dei Sette Prati di Őriszentpéter. Partecipa regolarmente a concerti da solista e da orchestra da camera, si è esibito nella grande sala da concerto e nella Sala Solti dell’Accademia di Musica Liszt Ferenc, nella Sala da Camera Liszt della Vecchia Accademia di Musica, al Centro di Musica di Budapest, alla Radio Ungherese, alla Casa della Memoria di Béla Bartók, alla Casa delle Arti Contemporanee TRAFÓ e al Centro di Architettura FUGA Budapest. Inoltre, si è esibito in molti paesi d’Europa, in diversi stati degli Stati Uniti e in diversi paesi dell’Asia. Ha fatto innumerevoli registrazioni negli studi della Radio Ungherese e alla TRT di Ankara. Ha tenuto concerti con molte orchestre ed ensemble, ad esempio l’Orchestra Filarmonica Nazionale, l’Orchestra Sinfonica della Radio Ungherese, Concerto Budapest, l’Orchestra Dohnányi Budafok, l’Orchestra Sinfonica MÁV, l’Orchestra Sinfonica del Danubio, l’Orchestra Sinfonica da Camera Weiner-Szász, l’Orchestra Sinfonica Savaria, l’Orchestra Sinfonica Zala, l’Orchestra Sinfonica Alba Regia, l’Orchestra Sinfonica Ungherese Miskolc, l’Orchestra Sinfonica di Eger, l’Orchestra Sinfonica di Nyíregyháza. Ha anche tenuto concerti con Intermodulation, l’ensemble UMZE, il Budapest Sound Collective, l’ensemble Qaartsiluni e l’ensemble Metrum, di cui è attualmente membro. Ha lavorato con direttori come Zoltán Kocsis, Tamás Vásáry, János Kovács, András Keller, Zoltán Rácz, Béla Drahos, László Kovács, Gábor Werner, Gábor Horváth, János Sándor, László Tihanyi e Gergely Dubóczky. In qualità di docente senior dell’Accademia di Musica, ha tenuto un corso di perfezionamento e conferenze presso la Scuola Secondaria e Tecnica di Musica Béla Bartók di Budapest, presso l’Istituto di Musica Béla Bartók dell’Università di Miskolc, l’Haute école de musique di Ginevra, la Hochschule für Musik di Würzburg, l’Università di Ankara, l’Università Dokuz Eylül di Izmir, il Conservatorio statale Sarajishvili di Tbilisi, il Conservatorio Nazionale di St. Pietroburgo, l’Università Nazionale di Seoul e l’Università Ewha Womans di Seoul. Finora ha pubblicato quattro album da solista, uno alla Bayer Records (con opere di Mompou, Lachenmann, Adès e Kagel), e tre alla Hunnia Records (le Opere Tarde di Liszt, le Variazioni Goldberg di Bach, e l’intera registrazione del Catalogo degli uccelli di Messiaen), con il quinto attualmente in preparazione. È anche collaboratore di altri tre dischi, uno dei quali è stato pubblicato da privati (Petrovics e Ligeti), e gli altri due sono stati pubblicati da Bayer Records (Klughardt), e Hunnia Records (Bartók, Dohnányi).

Lajos Sárközi Jr. è nato come discendente di una famiglia di sette generazioni di musicisti. Ha iniziato a suonare il violino a soli cinque anni. Il suo primo insegnante è stato il padre, anch’egli violinista. In seguito ha frequentato la scuola di musica di Józsefváros (Budapest), dove la sua insegnante era Judit Szászné Réger. All’età di tredici anni ha proseguito gli studi nella Classe dei Talenti Speciali dell’Accademia di Musica Franz Liszt di Budapest, dove il suo insegnante era Eszter Perényi. È stato premiato con diversi primi premi in concorsi. Nel 2003 e nel 2008 ha vinto il primo premio del Concorso ungherese di violino Ede Zathureczky. Nel 2009 ha tenuto due concerti da solista con la Silicon Grace Walley Symphony Orchestra della California. Come violino solista o come membro di band famose, ha viaggiato in molte parti del mondo insieme ad altri in qualità di musicista “Session”. Dopo essere stato studente, è diventato primate ausiliario da parte del padre nel famoso ristorante Kárpátia. Ha imparato la musica gitana ungherese nell’ensemble del padre e in seguito ha fondato un proprio gruppo, chiamato Lajos Sárközi Jr. e la sua band. I membri sono Lajos Sárközi Jr. (primo violino), Lajos Sárközi Sr. (secondo violino), Gyula Bóni (viola), Rudolf Sárközi (contrabbasso) e Gyula Csík (“cimbalom”). All’età di 17 anni è stato anche invitato a dirigere l’Orchestra Filarmonica Nazionale, dove ha potuto suonare con il più popolare pianista e direttore d’orchestra ungherese, Zoltán Kocsis. Insieme al suo gruppo, partecipa costantemente alla vita dei prestigiosi festival ungheresi (Kapos Festival, Cziffra Festival e Festival Academy). Nel 2015, la società musicale lo ha eletto capo dell’Orchestra Filarmonica Gipsy, direttore artistico e primate principale. Nel 2013 è stato produttore musicale di Nóta tv fino all’esistenza del canale. È stato in tournée negli Stati Uniti con il sassofonista di professione jazz/pop, meritatamente famoso, Tim Ries (Rolling Stones). La sera, dal 2011, suona nel più antico ristorante di Budapest, chiamato Százéves Étterem (Ristorante dei cento anni), dove ogni giorno intrattengono ospiti nazionali e stranieri e artisti di spicco vengono solo per ascoltare la musica della band (tra cui Berliner Philharmoniker, Gidon Kremer, Béla Szakcsi Lakatos, Tim Ries, Nigel Kennedy e molti attori, professori e artisti di fama mondiale). Lajos Sárközi Jr. cerca di coltivare la cultura musicale secolare che sta scomparendo. Il suo obiettivo è quello di promuovere la cultura ungherese nel modo più ampio possibile. Il gruppo ha viaggiato in tutto il mondo, esibendosi tra l’altro in Germania, Francia, Belgio, Italia e Stati Uniti. Hanno partecipato a molti concerti e festival di alta qualità in Ungheria, hanno suonato al Festival Academy e al Cziffra Festival, e quest’anno parteciperanno per la quarta volta al Kaposfest, il più famoso festival di musica da camera dell’Ungheria. I loro partner musicali sono stati musicisti di fama mondiale come Kristóf Baráti, Elemér Balázs, Kálmán Oláh, Andreas Ottensamer, István Kohán, Tony Lakatos, Didier Lockwood, Jojo Mayer e Tim Ries, e si sono esibiti anche con l’Orchestra Sinfonica della Radio Ungherese. L’obiettivo del gruppo è quello di coltivare la musica ungherese e quella classica e di presentare nuovi colori, che nessuna delle band gitane ungheresi ha ancora eseguito.

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT

XXII EMILIA ROMAGNA FESTIVAL

MUSIC HAS NO BARRIERS

5 luglio – 9 settembre 2022

GYÖRGY CZIFFRA DAYS

LIBERTÀ DELLA MUSICA:

GIPSY MUSIC E IMPROVVISAZIONI CLASSICHE

Lunedì 11 luglio – ore 21.30

Imola – Rocca Sforzesca