Università di Parma: “Università e imprese per l’alimentare”

Mercoledì 14 dicembre, ore 10.30, al Campus Scienze e Tecnologie conferenza di Francesco Mutti

uniparmaPARMA – Prosegue mercoledì 14 dicembre con l’Amministratore Delegato di Mutti SpA Francesco Mutti il ciclo di conferenze “Università e imprese per il Food”, promosso nell’ambito del “Food Project d’Ateneo”: progetto coordinato dal Delegato del Rettore Corrado Giacomini e voluto dalla governance universitaria per rafforzare l’immagine e la reputazione dell’Ateneo nel campo della formazione e della ricerca per l’alimentare, eccellenza del territorio di Parma.

Dopo gli incontri con Francesco Pugliese, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Conad, con Antonio Maselli, Presidente di Maselli Misure, e con Paolo Barilla, Vice Presidente di Barilla SpA, ora è la volta di Francesco Mutti, che interverrà sul tema “Università e imprese per l’alimentare: caratteri e aspettative dell’industria agroalimentare”.

L’appuntamento è per mercoledì 14 dicembre alle ore 10.30 al Plesso Didattico Congressuale Q02 del Campus Scienze e Tecnologie (Parco Area delle Scienze). Con Francesco Mutti interverranno il Rettore dell’Università di Parma Loris Borghi e il Delegato al Food Project d’Ateneo Corrado Giacomini.

Francesco Mutti
Nato a Parma il 30 ottobre 1968, Francesco Mutti si è laureato all’Università di Cardiff nel 1993. Nel 1994 è tornato in Italia ed è entrato nell’azienda di famiglia con la carica di Amministratore Delegato.
Figlio ed erede di una famiglia con una lunga tradizione conserviera, ha assunto la direzione dell’azienda, potenziandone la rete di vendita in Italia e all’estero e ampliandone la gamma di prodotti.
Oggi Mutti SpA si posiziona tra le aziende italiane leader nel settore del pomodoro: è presente in più di 82 Paesi del mondo, con un fatturato 2015 di 234 milioni di euro.

Il Food Project d’Ateneo
Il “Food Project d’Ateneo” ha permesso di evidenziare il forte impegno dell’Università di Parma nella formazione in campo alimentare (due corsi di laurea triennale, due corsi di laurea magistrale, due master universitari, un corso di perfezionamento con, in totale, circa 400 nuovi iscritti all’anno) e nel campo della ricerca (tra il 2012 e il 2014 ben 145 progetti per circa 11 milioni di euro di finanziamenti ottenuti da 12 Dipartimenti, di cui il primo è il Dipartimento di Scienze degli alimenti, e da 3 centri di ricerca, per il 60% su commessa da imprese del territorio di Parma e della Regione Emilia-Romagna). Nell’anno accademico 2016-2017 ha preso avvio il nuovo corso di laurea triennale in “Food System: Sustainability, Management and Technologies”, organizzato dai Dipartimenti di Economia, Scienze degli Alimenti e Bioscienze dell’Ateneo.