Turismo in crescita a Cesena: nei primi otto mesi dell’anno presenze aumentate dell’8,4%

“L’obiettivo è di arrivare a fine anno con 140mila pernottamenti”. Grande successo fra i turisti britannici (+80% )

CESENA – Cesena sempre più città turistica. Ad attestarlo i dati relativi agli arrivi e alle presenze alberghiere dei primi 8 mesi del 2016, che indicano un incremento significativo rispetto allo stesso periodo del 2015.
Fra gennaio e agosto, infatti, si sono contate in riva al Savio 93.594 presenze (che corrispondono ai pernottamenti registrati nelle strutture ricettive), con una crescita dell’8,4%. Il che significa che gli i visitatori che si fermano a Cesena tendono a prolungare la loro presenza in città, con una durata media di 1,87 notti.
A determinare questa tendenza sono soprattutto gli stranieri, la cui permanenza media è di 2,1 notti, contro il dato italiano che è di 1,8.
Spicca, in particolare, il consistente incremento di presenze da parte di cittadini del Regno Unito: nei primi otto mesi del 2016 le presenze di inglesi sono state quasi 1600, con un incremento quasi dell’80% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e una durata media del soggiorno di 3 notti.
Consistente aumento anche delle presenze dal Belgio (+30%) e dalla Germania (+22%).
In termini assoluti, i visitatori tedeschi risultano i più numerosi, con circa un migliaio di arrivi e quasi 2300 presenze, con una permanenza media di circa due notti e mezzo.
Sul fronte italiano, il maggior numero di presenze è della Lombardia: quasi 11mila, con un aumento dell’8% rispetto allo stesso periodo 2015. Al secondo posto il Lazio, con circa 10mila presenze, in aumento del 21%. sul terzo gradino del podio l’Emilia – Romagna con 9500 pernottamenti.

“Salutiamo con grande soddisfazione – commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore al Turismo Christian Castorri – l’andamento di questi primi otto mesi dell’anno a Cesena. I numeri confermano una tendenza già evidente agli occhi di tutti, ed in particolare nota ai negozianti, ai baristi, ai ristoratori del centro storico, che ce la segnalano con sempre più frequenza. È così oramai da alcuni anni, con un costante miglioramento dei numeri, sia in termini di presenze che di arrivi. I dati attuali sono molto precisi e ci dicono che dall’inizio dell’anno ad oggi abbiamo registrato un aumento di circa 10 mila presenze rispetto al 2015 e su questa base riteniamo sia possibile, entro fine anno, superare il tetto dei 140mila pernottamenti nella nostra città. Un dato notevolissimo, questo, frutto di tanto lavoro di promozione e valorizzazione del territorio. Non siamo ancora evidentemente una città turistica, ma il cambiamento positivo in termini economici per le imprese, le sempre più frequenti visite di turisti alla Biblioteca Malatestiana, alla Rocca Malatestiana, negli altri luoghi della nostra cultura, danno il senso concreto di un impegno collettivo che sta dando frutti insperati per i più. E la nuova legge regionale sull’organizzazione turistica, che ci collocherà visibilmente nella “destinazione Romagna”, potrà ulteriormente potenziare questa tendenza positiva”.