Toano: Nuova luce sulla pieve e il suo castello

ToanoL’intervento proseguirà quest’anno, dopo il successo della prima campagna archeologica, che ha svelato preziose informazioni sulla storia del fortilizio scomparso e della chiesa romanica

TOANO (RE) – “Castellum de Toano cum plebe” è il titolo della serata in programma per mercoledì prossimo (2 maggio), nella corte del Castello, in cui saranno presentati i risultati degli scavi archeologici eseguiti nella scorsa estate.

“L’intervento ha confermato l’importanza di questo luogo – spiega il sindaco Vincenzo Volpi – che ha conservato nei secoli, seppur tra tante vicissitudini, la pieve di Santa Maria Assunta, attorno alla quale sorgeva però il fortilizio, ora scomparso, ma di cui l’indagine condotta dal Dipartimento di storia, culture e civiltà dell’Alma mater studiorum di Bologna ha rinvenuto significative testimonianze”.

ToanoAll’incontro, che avrà inizio alle 20.30, interverranno l’archeologo ed esperto medievalista Nicola Mancassola, docente dell’ateneo felsineo, che ha coordinato le ricerche, gli archeologi Iames Tirabassi, Mattia Cantatore e Federico Zoni, monsignor Tiziano Ghirelli, direttore dell’Ufficio diocesano per i beni culturali e l’assessore alla cultura, Vittorina Canovi, che sottolinea: “La campagna di agosto 2017 ha costituito un punto di svolta nella ricostruzione della storia del castello toanese, che risale al decimo secolo e di cui la chiesa faceva parte. Siamo molto soddisfatti dei risultati sin qui ottenuti, perché quanto è emerso è di notevole interesse storico”.

Prosegue l’assessore Canovi: “Del castello è oggi visibile solo la base di una torre adattata a campanile, ma in quei giorni l’indagine archeologica ha invece portato alla luce un complesso murario ben conservato, oltre a precedenti strutture della pieve, come l’antica apside e diverse sepolture, e interessanti reperti che vanno dal dodicesimo al sedicesimo secolo, appartenenti a entrambe le aree esaminate. L’iniziativa diretta dall’Università bolognese è stata resa possibile anche grazie alla collaborazione, oltre che della nostra Amministrazione, della Diocesi, della Parrocchia, della Pro loco del capoluogo, della cooperativa Tecton di Reggio e di altre realtà del tessuto economico e del volontariato locale”.

Nell’occasione “sarà anche ufficialmente annunciata – concludono il primo cittadino e l’assessore alla cultura – la ripresa degli scavi nella prossima stagione estiva, con l’obiettivo di completare le ricerche e magari rendere visibili e fruibili a tutti, in modo permanente, alcuni dei ruderi scoperti. Ci sono poi molti altri aspetti da chiarire per fare ulteriore luce sul passato della pieve, una delle più suggestive chiese romaniche presenti in Appennino, cui siamo profondamente legati e che è parte costituente della nostra identità territoriale, e soprattutto sulle vicende del castello che un tempo la custodiva e proteggeva”.

(foto di Alessandra Dallari)