Sicurezza stradale: 100 fermati, 5 in stato di ebbrezza

Controlli della Polizia municipale di Modena nella notte tra sabato 13 e domenica 14 maggio. Per due conducenti è scattata la denuncia penale; sanzioni amministrative per altri tre

polizia-municipale-MODENA – È scattata la denuncia penale, oltre alla decurtazione dei punti e al ritiro della patente ai fini della sospensione, per due conducenti che si sono messi alla guida in stato di ebbrezza con un tasso alcolemico nel sangue superiore allo 0,8. È invece incorso solo in sanzione amministrativa un altro conducente che secondo il Codice della strada si collocava in prima fascia, cioè aveva un tasso alcolemico superiore allo 0,5 ma inferiore a 0,8.

Sono stati infine sanzionati anche due neopatentati con tasso inferiore allo 0,5 ma comunque superiore a quanto previsto dall’articolo 186 del C.d.S. per i neopatentati (tasso zero).

È il bilancio dei controlli effettuati dalla Polizia municipale di Modena nella notte tra sabato 13 e domenica 14 maggio, ed esattamente tra le 22 e le 4, prima in via Berengario dove c’era un grande affluenza di persone, successivamente nei pressi di piazzale I Maggio e piazzale Tien An Men.

Complessivamente i conducenti sottoposti ad accertamento qualitativo preliminare (Alcoblow) sono stati 100; di cui sei risultati positivi sono stati sottoposti poi alla prova dell’etilometro.

I controlli, che si svolgono nell’ambito della azioni condotte dalla Polizia municipale e dal Comune di Modena per la sicurezza stradale e avvengono ormai ogni fine settimana, sono finalizzati a scoraggiare gli automobilisti a mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici, un comportamento che oltre ad avere pesanti ripercussioni, anche penali, costituisce soprattutto un grave pericolo per gli stessi automobilisti e per tutti gli utenti della strada.

Inoltre, questi controlli si aggiungono a quelli che già si svolgono con continuità nei locali pubblici e nelle aree della città dove sono più frequenti le segnalazioni di schiamazzi e disturbi alla quiete pubblica, per garantire la migliore fruizione possibile degli spazi pubblici nel rispetto dei diritti dei residenti. Anche nella notte tra sabato e domenica sono stati numerosi gli interventi in questo senso, su chiamate e segnalazioni di cittadini.