Rifiuti. L’assessore Gazzolo: “Argomento sul quale non prendiamo certo lezioni dai 5 Stelle. Emilia-Romagna pienamente autosufficiente, anche in situazioni impreviste, mentre a Roma è andata diversamente”

“E sulle bonifiche, gli oltre 5 milioni e mezzo in arrivo dal Governo per continuare gli interventi a San Giovanni in Persiceto e Fidenza sono la migliore risposta ad ogni tentativo di polemica strumentale”

logo regione emilia romagnaBOLOGNA – “Dal Movimento 5 Stelle non prendiamo lezioni fino a quando non smetteranno di arrivare in Emilia-Romagna, da Roma, rifiuti urbani ‘camuffati’ da speciali. Così come non accettiamo lezioni nemmeno in tema di bonifiche: gli oltre 5 milioni di mezzo di euro in arrivo dal Governo per continuare gli interventi a San Giovanni in Persiceto e Fidenza sono la migliore risposta ad ogni tentativo di polemica strumentale”.

È secca la replica dell’assessore all’Ambiente, Paola Gazzolo, alle dichiarazioni del Movimento 5 Stelle sulla chiusura della discarica Tre Monti di Imola e la bonifica dei siti pericolosi.

“La serietà delle scelte assunte dalla Regione sta negli atti approvati e nei fatti: lo stesso non si può dire della gestione dell’emergenza che ha interessato la Capitale, finita come avevamo previsto. Roma non è stata in grado di smaltire i propri rifiuti che hanno preso la via dell’Abruzzo e di Aprilia nonostante i proclami di qualche parlamentare pentastellato modenese”.

“Il nostro Piano rifiuti, invece, permette la piena autosufficienza del sistema emiliano-romagnolo anche in situazioni impreviste come quella che è derivata dalla sentenza del Tar sull’impianto Tre Monti- sottolinea l’assessore-. Dopo 26 ore di discussione del Piano stesso in Commissione consiliare, dopo aver risposto a 83 interrogazioni e a 75 richieste di accesso agli atti, mi chiedo cosa ancora serva per far comprendere come funziona il sistema delle competenze in materia di ciclo dei rifiuti”, chiude Gazzolo.