Question time, chiarimenti sulla lotta contro l’abusivismo in via Indipendenza

Bologna veduta aereaBOLOGNA – L’assessore alla Sicurezza, Riccardo Malagoli, ha risposto alla domanda d’attualità della consigliera Lucia Borgonzoni (Lega nord) sull’abusivismo in via Indipendenza.

Domanda d’attualità della consigliera Borgonzoni

” ‘Il porticato, ogni fine settimana, si trasforma in un vero e proprio bazar del ‘tarocco’ “. ‘Spiaggia libera dai vu’comprà ..lungo i nostri nove chilometri di costa ….abbiamo azzerato la presenza degli abusivi’.

Chiedo al Sindaco e alla Giunta se hanno in animo di chiedere ai Sindaci ed ai Prefetti della riviera romagnola “la ricetta” che hanno e che stanno adoperando per il ripristino della legalità che a Bologna pare proprio non riuscire a realizzarsi. Ma chiedo anche se invece all’amministrazione piace che i portici di Via dell’Indipendenza e non solo si trasformino in un bazar tutti i fine settimana”.

Risposta dell’assessore Malagoli

“Gentile consigliera, via Indipendenza è oggetto di sistematici controlli da parte della Polizia Municipale. L’episodio della deprecabile aggressione ad un’agente (e non è il primo in via Indipendenza) in borghese impegnata in questo tipo di contrasto e del contestuale intervento di altre due pattuglie con l’arresto immediato dell’aggressore, attestano l’impegno profuso dal Corpo e la presenza costante ed attiva sul territorio.

Dall’inizio dell’anno corrente nella sola area Indipendenza-Ugo Bassi-Rizzoli sono stati effettuati servizi anti-abusivismo per complessive 2232 ore e compiuti 123 interventi, fra questi 23 sequestri penali riguardanti sequestri di capi di abbigliamento con marchio contraffatto, 22 sequestri amministrativi di merce varia, circa un migliaio di oggetti fra capi di abbigliamento, giocattoli, profumi e fiori, 18 sanzioni per violazione della normativa sul commercio.

Si ritiene doveroso comunque specificare che le aggressioni agli agenti impegnati nei suddette servizi non sono frequentissimi ed il personale possiede adeguata preparazione professionale (tant’è che è stato arrestato immediatamente) derivante sia dall’esperienza operativa che dai costanti aggiornamenti in materia normativa e procedurale, dalla frequenza di appositi corsi tecnici e operativi.

Vede, questo dimostra (e di questo possiamo esserne anche certi) un impegno costante dell’amministrazione perché vede, Cervia ha fatto un contingente articolo 54 che dura pochi mesi, i mesi estivi, quindi con un impegno concentrato in un periodo definito dell’anno. Noi ce l’abbiamo, questo impegno, tutto l’anno. Le ricordo ad esempio che, a detta degli stessi commercianti, durante il periodo natalizio, c’è stata una grande visibilità della nostra opera e molte delle persone che compiono questo illecito è stato sanzionato o allontanato con sequestro del materiale.

Per noi quindi è un impegno costante e lo dimostrano anche i risultati, poi come sempre possiamo avere delle visioni diverse perché lei mi risponderà “che non è vero che tutto fa schifo, che non ci mettiamo impegno” io le posso dire che sono molto molto contento di come la commerciale della Polizia Municipale sta operando in questo tratti di strada, spesso in condizioni anche difficili, ma con anche il convincimento dei commercianti che ci danno una mano perché ci segnalano costantemente l’arrivo di queste persone.

Il dibattito però adesso è di mandarli in borghese per non essere riconoscibili, con delle pattuglie affiancate che intervengano nel momento in cui ci siano cose di questo genere. Quindi c’è un’attività importante, noi stiamo con la commerciale svolgendo un’attività molto importante e credo che questo vada riconosciuto agli uomini del corpo della Polizia Municipale, perché se no il loro sacrificio sabato, domenica, venerdì su quelle vie sia vano, sembra che non facciano niente e invece non è così”.