Parma, Premio Colasanti Lopez: la violenza contro le donne sui social media

PremiazioneAssegnati i riconoscimenti dell’undicesima edizione del Premio. Prima classificata la 4° G del Liceo Ulivi di Parma, al secondo posto la 4° I dell’Ulivi, terza la 2° A – AFM del Paciolo D’annunzio di Fidenza. Fritelli: “Combattere la violenza sulle donne, in tutte le forme, è una battaglia di civiltà doverosa per le istituzioni”.

PARMA – “Il corpo mediato: violenza contro le donne sui social media” è il titolo della XI edizione del Premio Colasanti Lopez, ideato dalla Provincia di Parma con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani sul tema della violenza contro le donne e realizzato con il contributo dell’Azienda Sanitaria Locale di Parma, in collaborazione con le Associazioni Centro Antiviolenza e Gruppo Scuola.

Il Premio è intitolato a Donatella Colasanti e Rosaria Lopez vittime del “massacro del Circeo”, avvenuto nel 1975, un fatto di violenza emblematico rimasto tristemente nella memoria collettiva del Paese.

Hanno vinto:

1° premio la classe 4° G del Liceo Scientifico “Giacomo Ulivi” di Parma,

2° premio la classe 4° I del Liceo Scientifico “Giacomo Ulivi” di Parma

3° premio la classe 2° A – AFM dell’Istituto Paciolo D’annunzio di Fidenza

Le premiazioni si sono svolte ieri mattina all’Auditorium del Centro Congressi Cariparma di Via Cavagnari, con la partecipazione del Presidente della Provincia Filippo Fritelli, di Paolo Volta, Direttore delle attività socio sanitarie dell’Azienda USL, Samuela Frigeri Presidente del Centro Antiviolenza di Parma e Andrea Corsini della Cooperativa Gruppo Scuola.

Erano presenti alla cerimonia gli studenti di tutte le 12 classi che hanno partecipato al concorso con propri lavori: la 1° D del Liceo Romagnosi, la 4° G, la 4° I e la 5° E del Liceo Ulivi di Parma, la 4° H, la 4° S e la 4° T del Liceo Marconi, la 2° P dell’Istituto Giordani di Parma, la 2° A Tecnico Turistico dell’Istituto Magnaghi di Salsomaggiore, la 4° B RIM SIA, la 4° C RIM e la 2° A AFM dell’Istituto Paciolo D’Annunzio di Fidenza.

L’argomento scelto, ogni anno, per il Premio Colasanti Lopez vuole intercettare i cambiamenti intervenuti: ora siamo di fronte alla potenza, anche distruttiva, del nuovo linguaggio social molto utilizzato dai ragazzi e dalle ragazze – ha dichiarato il Presidente della Provincia Filippo Fritelli La violenza sulle donne non accenna a diminuire, e anzi assume nuove connotazioni, su cui è necessario cominciare a riflettere: il coinvolgimento degli studenti è fondamentale, intanto perché sono i principali fruitori e utilizzatori dei nuovi media, e poi perché delle nuove tecnologie si può e si deve fare un utilizzo corretto. Le istituzioni pubbliche, consapevolmente, hanno il dovere di lavorare sulla prevenzione e sulla sensibilizzazione”.

L’edizione 2016 era incentrata proprio sul ruolo dei social media e dei social network nell’informazione. Come si è modificato, con l’avvento delle nuove tecnologie, l’approccio al corpo femminile, alle immagini per raccontare e raccontarlo? Come è cambiata la percezione della libertà personale e dei propri limiti nell’agire online? Come influiscono sulla percezione del tema della violenza contro le donne i social media e il linguaggio e le immagini che in essi si utilizzano? Questi alcuni degli interrogativi proposti ai ragazzi e alle ragazze.

I prodotti presentati sono il frutto di un percorso complesso di informazione e di sensibilizzazione svolto nelle scuole, fatto di approfondimenti e riflessioni che hanno spaziato dalla storia delle donne agli aspetti giuridici e psicologici della violenza sulle donne, alla rappresentazione dei corpi femminili e maschili nelle strategie di marketing, allo scopo di fare acquisire una maggiore consapevolezza sul tema e a fare mettere in atto comportamenti conseguenti.

Tutti i lavori di quest’anno sono stati giudicati di grande interesse; la commissione ha valutato in particolare quanto i prodotti riuscissero a esprimere concetti, strumenti e modalità d’azione utili a promuovere e sostenere iniziative di sensibilizzazione contro la violenza alle donne; creatività, impegno, efficacia, correttezza e propositività del messaggio sono stati i criteri di valutazione nello stabilire i prodotti vincitori della IX edizione.

I VINCITORI E LE MOTIVAZIONI
Primo premio
al video della classe 4° G del Liceo Scientifico “Giacomo Ulivi” di Parma – (referenti Prof. Stefania Mazzocchi e Giordana Mutti)
Motivazione: Il video mette efficacemente in luce quanto la violenza attraverso i social media sia dolorosa per chi la subisce e propone il messaggio positivo che i ragazzi e le ragazze non devono lasciarsi intrappolare nella logica perversa dei giudizi, degli sguardi e delle parole del “branco” che a volte si scatena in rete. Si è ritenuto di dover premiare inoltre la capacità tecnica di realizzazione del prodotto, la creatività della progettazione, la forza del messaggio e l’immediatezza con cui viene veicolato dalle immagini.

Secondo premio allo spot della classe 4° I del Liceo Scientifico “Giacomo Ulivi” di Parma (referenti Prof. Antonella Paolillo e Stefania Mazzocchi)

Motivazione: lo spot supera la visione della violenza verbale sulle donne in rete come bullismo, ma la qualifica correttamente come violenza tout court. Si è ritenuto di dover premiare anche la creatività dell’ideazione e l’efficacia comunicativa della realizzazione, che riesce a condensare il messaggio in un tempo breve, in particolare attraverso il passaggio dalle parole ai segni che questi lasciano visivamente sulla persona.

Terzo premio al video della classe 2° A – AFM dell’Istituto Paciolo D’annunzio di Fidenza (referenti Prof. Elisa Marchinetti e Maura Rossetti )

Motivazione: il video evidenzia come lo stereotipo, diffuso sia tra le ragazze sia tra i ragazzi, porti a considerare il corpo della donna come qualcosa da mostrare, senza comprendere la violenza che è insita in questa azione. Si è ritenuto di premiare l’efficacia, il buon ritmo comunicativo del video e la scelta della colonna sonora.