Modena, nidi d’infanzia

Daprovincia di modena logo biglla provincia 1,2 milioni di euro per la gestione di 184 servizi, oltre 5 mila bambini

MODENA – Sostenere il sistema dei servizi educativi pubblici e privati convenzionati per bambini fino a tre anni, i nidi d’infanzia, che nel territorio modenese riguardano oltre cinque mila bambini. E’ questo l’obiettivo della Provincia di Modena che mette a disposizione per l’anno scolastico 2015-2016 risorse complessive di provenienza regionale pari a oltre un milione e 200 mila euro.

I contributi, approvati nei giorni scorsi, sono destinati sia a soggetti pubblici che privati; di questi quasi un milione di euro riguardano la gestione dei servizi, con particolare attenzione per i servizi dei piccoli Comuni, le gestioni associate e la promozione di progetti innovativi; i contributi saranno calcolati sulla base dei servizi presenti, il numero degli iscritti, la presenza di bambini disabili e gli iscritti nei Comuni montani; sono interessati i nidi d’infanzia part-time o a tempo pieno, i micronidi, le sezioni nido aggregate ad altri servizi per l’infanzia e i nidi aziendali. Le risorse arriveranno a tutti i servizi a sostegno delle spese dei gestori, contribuendo a contenere le tariffe a carico delle famiglie.

Oltre 116 mila euro finanziano, invece, la qualificazione del sistema attraverso la formazione dei coordinatori pedagogici sparsi nei sette distretti del territorio provinciale, mentre quasi 90 mila euro sono destinati ai servizi integrativi, messi in campo da Comuni e privati, come i Centri per bambini e genitori e gli Spazi bambini; in questo caso i criteri tengono conto del calendario annuale, l’orario minimo di apertura settimanale e la frequenza delle presenze, con maggiorazioni dei contributi per i Comuni montani e per le realtà dove non sono è presenti altri servizi rivolti ai bambini.

Tutti i documenti relativi ai contributi saranno messi a disposizione in formato digitale sul sito della Provincia nel servizio Istruzione.

In base alla legge di riordino delle Province, anche la competenza sul Piano dell’infanzia e la relativa gestione delle risorse sarà trasferita nel 2016 alla Regione.

Nel territorio provinciale, in base all’ultima rilevazione regionale, relativa all’anno scolastico 2014-2015, i servizi come i nidi, sezioni primavera, piccoli gruppi educativi e servizi integrativi sono 184; di questi 133 sono nidi o micronidi e 18 servizi integrativi (Spazi bambini o Centri bambini e genitori), il resto è costituito dalle sezioni aggregate alle scuole materne. Il numero totale degli iscritti arriva a 5186.