Modena, il grazie della città ai 193 volontari della sicurezza

AI VOLONTARI DELLA SICUREZZA IL “GRAZIE” DELLA CITTÀ Nel 2015 hanno prestato oltre 10 mila ore di servizio in città e nelle frazioni. Muzzarelli: “Modena è orgogliosa di voi”

MODENA – “Grazie per la disponibilità, l’impegno, l’intelligenza e la sensibilità che mettete al servizio della comunità in uno dei fronti più caldi, aperti e sentiti, quello della sicurezza e della legalità. Modena può essere orgogliosa di voi e della vostra esperienza”. È il ringraziamento rivolto dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, a nome di tutta la comunità modenese, ai quasi 200 volontari della sicurezza invitati sabato 7 maggio in Municipio, nella Sala del Consiglio comunale, per un momento di incontro e confronto.

“Perché vedersi qui tutti insieme ci fa sentire parte di un unico organismo e dà la dimensione di questa esperienza di squadra basata sulla collaborazione”, ha aggiunto il comandante della Polizia municipale, Franco Chiari, sottolineando anche i numeri: il Corpo della Municipale conta 220 operatori e 193 sono i volontari della sicurezza.

Sono state 10.169, invece, le ore di servizio prestate dai volontari nel 2015, già 3075 quelle svolte da gennaio a marzo di quest’anno, nel presidio del territorio cittadino e nelle frazioni, nei parchi e davanti alle scuole, durante manifestazioni ed eventi “dimostrandosi un punto di riferimento per i cittadini, oltre che un esempio di civismo e solidarietà”, ha affermato il sindaco evidenziando “la necessità di coinvolgere sempre più le nuove generazioni in un patto di reciprocità sui cui si basa il livello di coesione della comunità”. Il prossimo importante impegno per tutti sarà il Giro d’Italia, uno dei maggiori eventi al mondo per la promozione del territorio, e poi ancora la Notte Bianca. “Ma soprattutto – ha continuato Muzzarelli – continuate a inviare le segnalazioni che sono fondamentali per fare più sicura e bella la città, perché voi siete la nostra boccata d’ossigeno”.

Insieme ai volontari delle Associazioni Carabinieri, Alpini, Polizia di Stato, delle Guardie ecologiche volontarie e di Legambiente, di Vivere Sicuri, City Angels e Narxis, erano presenti i rappresentanti dei Centri sociali e Orti di San Faustino e di Buon Pastore e del Comitato cittadini Modena est attivi negli Sportelli Non da Soli di sostegno alle vittime, e gli Amici di Quattro Ville, impegnati insieme all’Amministrazione in un percorso di riqualificazione delle loro frazioni.

Dopo la consegna alle associazioni del volume fotografico di Franco Fontana “Modena, una città” e, dello spilla con lo stemma del Comune di Modena ai singoli volontari, “un simbolo del Comune che così degnamente rappresentate”, ha osservato il sindaco, in molti hanno fatto sentire la loro voce. Nei loro interventi hanno ribadito la “disponibilità ad esserci”, l’importanza dello stretto rapporto con l’Amministrazione e in particolare il coordinamento con la Municipale, e anche “la soddisfazione nel sentirsi fermati e ringraziati dai cittadini”, così come “nel vedere qui oggi riunite tante persone che non mollano”.

Ph©Elisabetta Baracchi