Modena: al via i lavori per l’installazione dell’autovelox

Giovedì 29 marzo in tangenziale Carducci, dove è stato rimosso il vecchio apparecchio, arriva il palo su cui sarà sistemato il nuovo rilevatore di velocità. Poi la sperimentazione

Municipio-Comune-ModenaMODENA – Sarà installato giovedì 29 marzo il palo su cui verrà posizionato il nuovo rilevatore di velocità in tangenziale Carducci, nella medesima posizione dove era in funzione quello precedente, fra le uscite 7 e 6 Crocetta/Nonantolana, in direzione Bologna. I lavori per l’installazione inizieranno tra le ore 9 e le 10 e dovrebbero durare non più di un’ora.

Il palo, alto sei metri, quindi meno di un normale palo della luce, e pesante 200 chilogrammi è stato realizzato dalla ditta che fornisce la nuova apparecchiatura per la misurazione della velocità, la Sicursat di Genova. A Modena l’alto sostegno è già arrivato e giovedì sarà portato sul posto con una piccola gru, sistemato sulle barre e imbullonato al nuovo plinto nell’area a lato carreggiata, nei pressi del box ormai smantellato che ospitava il vecchio autovelox.

La ditta incaricata vi accederà dall’area verde che costeggia la tangenziale, ossia da via Monviso, quindi i lavori non comporteranno la chiusura del tratto della tangenziale interessato.

Il giorno successivo sul palo sarà installato il nuovo apparecchio, un moderno rilevatore digitale di velocità per adeguare le tecnologie di trasmissione dei dati, e subito dopo Pasqua verranno effettuate le prime verifiche; dopo di che si potrà avviare il periodo di sperimentazione che durerà una decina di giorni.

Durante tale fase di sperimentazione, le immagini scattate non saranno utilizzate per accertare violazioni, ma sulle tangenziali, come sulle arterie cittadine, potranno essere intensificati i controlli del rispetto dei limiti della velocità, per altro preannunciati attraverso i social network dai tweet della Municipale.

Solo terminata la sperimentazione, entrerà in funzione a regime il nuovo rilevatore automatico, acquistato dalla Polizia municipale di Modena nell’ambito del potenziamento tecnologico dell’attività di controllo del territorio ai fini di migliorare la sicurezza stradale, sarà in grado di rilevare le infrazioni con esattezza anche su strade multi corsia.

Il vecchio autovelox, invece, comunque funzionante e regolarmente collaudato, sarà d’ora in poi utilizzato solo in rilevazioni mobili effettuate da agenti della Polizia municipale lungo le arterie maggiormente trafficate e soggette ad elevata incidentalità.