Mobilità e cantieri, dal 16 agosto riaprirà via Santo Stefano fino a via Cartoleria

Intanto Piazza Malpighi comincia a rifarsi il look dal primo agosto: arriveranno anche gli alberi

stendardo bolognaBOLOGNA – Buone notizie da via Santo Stefano: l’andamento del cantiere, iniziato il 6 luglio scorso e che sta ripristinando la pavimentazione stradale in masselli di granito del tratto fra via Guerrazzi e via Borgonuovo, consentirà la riapertura parziale della strada fino a via Cartoleria da martedì 16 agosto. Da quel giorno dunque via Cartoleria tornerà a senso unico verso via Castiglione. Poi, dopo due settimane da quella data, tutto tornerà alla normalità: la fine del cantiere è infatti prevista il 31 agosto.

Cominceranno invece il 10 agosto i lavori sulla pavimentazione di via Farini, nel tratto che costeggia Piazza Minghetti, sulla corsia che va verso Piazza Cavour: si tratta di un cantiere ridotto ma necessario per ricucire attraverso l’utilizzo di malte speciali i masselli deteriorati della pavimentazione esistente. Il cantiere di via Farini si concluderà il 10 settembre.

C’è anche un’altra novità che limiterà da subito, e per un paio di settimane, alcuni dei disagi a chi abita, lavora o si trova a transitare nella zona interessata dal cantiere: da lunedì prossimo, 25 luglio, via Farini, oggi a senso unico verso Piazza Cavour, tornerà a doppio senso e sparirà temporaneamente la corsia preferenziale da Piazza Cavour a via Castiglione. Il provvedimento allevierà i disagi di circolazione soprattutto di chi si risiede nelle strade adiacenti, in particolare nell’area di San Giovanni in Monte. Il senso unico verso Piazza Cavour, tornerà in vigore in concomitanza con l’inizio dei lavori in via Farini.

Piazza Malpighi diventa più bella: alberi al centro e nuova pensilina per i bus

Piazza Malpighi è pronta per rifarsi il trucco: lunedì primo agosto comincerà il cantiere che rinnoverà l’asfalto e i marciapiedi, porterà gli alberi al centro della piazza con al centro la Colonna dell’Immacolata e allestirà una nuova e grande pensilina per i bus sul lato di via Portanova. I lavori introdurranno fino al 12 settembre il senso unico di circolazione da via Sant’Isaia in direzione di Piazza Francesco. Chi invece viene dalla direzione opposta ha due possibilità per attraversare Piazza Malpighi e arrivare in via Nosadella: percorrere Piazza San Francesco e via de Marchi e svoltare a sinistra in via Sant’Isaia, oppure imboccare via Ugo Bassi, svoltare in via Testoni per poi raggiungere via Cesare Battisti attraverso via Portanova e arrivare in via Barberia.
La prima fase dei lavori in Piazza Malpighi, dal primo al 20 agosto, riguarderà il lato ovest, quello che costeggia la sede del Catasto. Subito dopo inizierà il cantiere sul lato est che si concluderà il 12 settembre, giorno in cui la circolazione tornerà a doppio senso di marcia. Quel giorno torneranno a essere utilizzabili anche gli stalli per i motorini al centro della Piazza, che saranno temporaneamente off limits già da qualche giorno prima dell’inizio del cantiere. Durante i lavori sarà recuperata una ventina di stalli all’angolo con via Portanova.
L’ultima parte del cantiere, che non provocherà alcuna modifica alla circolazione, riguarda il rinnovo del marciapiede sul lato est della Piazza e il montaggio della nuova pensilina degli autobus, una struttura in acciaio con le sedute in cemento.
Oltre al nuovo asfalto e ai nuovi marciapiedi, a fine cantiere sarà la parte centrale della Piazza a cambiare volto: attorno alla Colonna dell’Immacolata compariranno dei cubetti di porfido e ai piedi della statua una piazzetta in granito. Poi sei alberi lungo l’isola centrale della Piazza, nella quale sarà conservato lo stesso numero di stalli per i motorini di oggi ma sarà ricavato anche un percorso pedonale in granito che consentirà a chi parcheggia le due ruote di raggiungere, in sicurezza, l’attraversamento pedonale che sarà realizzato con una pavimentazione in cubetti di porfido e granito scuro e chiaro.

Le deviazioni dei bus

Per una più puntuale e capillare informazione a largo raggio sulle deviazioni in corso nel centro storico, non solo per i lavori previsti in piazza Malpighi, ma anche per i concomitanti cantieri di via Santo Stefano e di via Amendola, Tper ha predisposto mappe d’area riportanti l’assetto delle fermate dei bus dal primo agosto; le mappe saranno affisse dai prossimi giorni alle fermate delle zone Mille-Piazza dei Martiri, Piazza Cavour, Rizzoli-Ugo Bassi e via Marconi.

Al link www.tper.it/agosto16 del sito di Tper è consultabile il dettaglio delle deviazioni dei bus conseguenti ai lavori che inizieranno il primo agosto in Piazza Malpighi, l’indicazione delle fermate provvisorie e di quelle temporaneamente soppresse. Nella stessa pagina del sito è possibile visualizzare e scaricare le mappe con le fermate attive dal primo agosto nelle diverse aree del centro storico interessate da cantieri stradali adiacenti.

Le curiosità

La Colonna ionica di Piazza Malpighi, l’antica Seliciata di San Francesco, fu progettata dall’architetto Carlo Francesco Dotti e ospita una statua della Madonna realizzata in rame nel 1638 da Giovanni Tedeschi su disegno di Guido Reni. Il piedistallo presenta un grande stemma di papa Urbano VIII (1623-1644), quello del Comune di Bologna, quello della Famiglia Francescana; un’incisione latina racconta la storia e fu posta in occasione dei restauri del 1889.

L’albero che comparirà in Piazza Malpighi è della famiglia delle Lagerstroemia indica. Si tratta di un piccolo albero a foglia caduca, originario dell’Asia, molto diffuso nei giardini e nelle alberature stradali. Può raggiungere i 7-10 metri di altezza. Il fusto è eretto e sottile, la corteccia è chiara e liscia. La chioma è tondeggiante, allargata, non molto densa; le foglie sono ovali, allungate, di colore verde scuro; diventano aranciate in autunno, prima di cadere.
In estate all’apice dei rami le Lagerstroemia indica producono lunghe pannocchie di fiori di colore bianco, rosato o lilla.