Le commissioni di mercoledì 25 ottobre a Palazzo d’Accursio

piazza Maggiore BolognaBOLOGNA – Mercoledì 25 ottobre, in sala Renzo Imbeni a Palazzo d’Accursio, sono in programma tre sedute di commissione.

Alle 9, la commissione “Attività produttive, commerciali e Turismo” si riunirà per trattare un’udienza conoscitiva, richiesta dal gruppo Forza Italia, ed esaminare un ordine del giorno presentato dal consigliere Marco Lisei (Forza Italia) sulla nuova collocazione del Cioccoshow.

Alle 11, la commissione “Territorio ed Ambiente” si riunirà per esaminare una delibera riguardante lo schema di convenzione per la collaborazione tra i Comuni di Bologna, Calderara di Reno, Castel Maggiore, San Lazzaro e Casalecchio di Reno sulla gestione del rumore ambientale.

La commissione esaminerà poi un ordine del giorno, presentato dal consigliere Marco Lisei (Forza Italia), sulla nuova sede degli uffici giudiziari.

La seduta proseguirà in forma congiunta con la commissione “Affari generali e istituzionali” per esaminare un ordine del giorno sempre sulla ricollocazione degli uffici giudiziari, presentato dal consigliere Michele Campaniello (Partito Democratico).

Alle 14.30, la commissione “Parità e Pari opportunità” si riunirà in seduta congiunta con la commissione “Istruzione, Cultura, Giovani, Comunicazione” per trattare tre udienze conoscitive.

La prima, richiesta dai consiglieri Simona Lembi, Claudio Mazzanti, Federica Mazzoni, Roberta Li Calzi, Francesco Errani e Mariaraffaella Ferri (Partito Democratico) riguarda le attività del Comune nelle scuole sui temi del contrasto alla violenza di genere, della parità e del contrasto alle discriminazioni.

La seconda, richiesta dal gruppo Insieme Bologna, sui progetti per l’educazione all’affettività nelle scuole.

L’ultima udienza conoscitiva, richiesta dal gruppo Coalizione civica, riguarda i progetti e percorsi di educazione alle differenze.

Infine, verrà esaminato un ordine del giorno, presentato dal gruppo Coalizione civica, per l’adesione del Comune all’appello promosso dal network Educare alle differenze.