Incontri nei quartieri per contrastare il problema della dipendenza dalle sostanze e dal gioco

comune di Cesena logoProsegue l’impegno del Comune di Cesena per la prevenzione e il contrasto alle dipendenze da droghe, alcol e gioco patologico

CESENA – Dopo gli incontri rivolti al mondo della scuola, che hanno coinvolto insegnanti e studenti, ora lo sguardo si è ai nastri di partenza un ciclo di incontri rivolti alla cittadinanza, che si svolgeranno nelle sedi di quartiere e a cui prenderanno parte, in qualità di relatori, i rappresentanti delle associazioni ANGLAD, Giocatori anonimi e Narcotici Anonimi

Esplicativo il titolo dell’iniziativa: “Dico no alla droga”, “Dico no al gioco d’azzardo”.

I primi appuntamenti sono fissati per mercoledì 6 aprile: nella sede del quartiere Cervese Sud (Via Cervese, 1260 – S.Egidio) si parlerà di tossicodipendenze con i rappresentanti dell’Anglad, mentre nella sede del quartiere Al Mare (Via prov.le Sala, 1249) si affronterà il tema delle ludopatie con l’associazione Giocatori anonimi. Entrambi gli incontri si terranno a partire dalle ore 20.30.

Il programma proseguirà nelle prossime settimane fino a maggio (solo in un caso l’appuntamento è previsto in autunno) nelle sedi dei quartieri Centro urbano, Cesuola, Fiorenzuola, Oltresavio, Valle Savio, Borello, Al Mare, Cervese nord, Ravennate e Rubicone.

L’obiettivo delle iniziative vuole essere di prevenzione e di sensibilizzazione a questi problemi, che, purtroppo, colpiscono tante famiglie. Attualmente, infatti, i cesenati in carico al nostro SERT sono circa 800, di cui 70 alle prese con una dipendenza da gioco patologico e i restanti seguiti per utilizzo di sostanze (droghe o alcol, prevalentemente).

“Crediamo sia molto importante – rimarcano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai servizi per le persone Simona Benedetti – incontrare i cittadini e portare avanti una attività di dialogo e di prevenzione. Le dipendenze, purtroppo, possono colpire i giovani e giovanissimi, ma anche gli adulti, mettendo davvero a rischio la loro salute e creando molto disagio alle loro famiglie. Attraverso questi incontri, grazie in particolare alle testimonianze dirette di chi ha conosciuto questi problemi ed ha trovato la strada per uscirne, ci auguriamo di poter tendere una mano a quanti, ancora, non hanno trovato coraggio e soluzioni per venirne a capo”.

“Ancora una volta – concludono il sindaco e l’Assessore – ringraziamo le due associazioni e tutti i volontari che parteciperanno come relatori alle iniziative, sempre disponibili ad aiutare chi versa in difficoltà. Infine, desideriamo ringraziare i quartieri, i loro presidenti e tutti i consiglieri per l’attività che prestano ogni giorno, anche loro volontariamente, per incentivare la partecipazione attiva dei cittadini e rafforzare la nostra coesione sociale”.