Giulia Mazzotti, laureata Unife, seconda al concorso Premio Listerine 2015

Un momento della consegna del premio a Giulia Mazzotti seconda da destra nella fotoIl brillante risultato è stato ottenuto con la tesi di laurea “Impatto del trattamento parodontale non chirurgico in una popolazione di pazienti affetti da disordini onco-ematologici”

FERRARA – Giulia Mazzotti, laureata in Igiene dentale dell’Università di Ferrara, si è classificata seconda al concorso per il Premio Listerine 2015, grazie alla tesi di laurea “Impatto del trattamento parodontale non chirurgico in una popolazione di pazienti affetti da disordini onco-ematologici”, con relatrice Renata Vecchiatini, Ricercatrice della Sezione di Odontoiatria di Ateneo.

Il secondo premio, che consiste nella pubblicazione del lavoro sulla Rivista italiana di igiene dentale e in 5000 Euro che saranno attribuiti al Dipartimento di Scienze Mediche di Unife e nello specifico al Coordinatore del corso Prof. Maurizio Franchi per attività di didattica e di ricerca, è stato attribuito a Giulia con la seguente motivazione: “lo studio osservazionale ha affrontato una tematica rilevante, anche dal punto di vista sociale, con metodologia ed analisi statistica adeguate agli obiettivi dello studio. Dai dati presentati si potrebbero trarre utili indicazioni per lo sviluppo di linee guida”.

Il Premio, promosso e organizzato dalla Commissione Nazionale dei Corsi di Studio in Igiene Dentale e sponsorizzato da Johnson&Johnson, ha selezionato le due migliori tesi dei corsi di laurea in igiene dentale con il tema “Igiene Orale” ed è stato ritirato da Giulia Mazzotti sabato 20 febbraio a Novara all’Università del Piemonte Orientale, nell’ambito del Corso accreditato ECM per Igienisti dentali, Odontoiatri, Medici chirurghi e Farmacisti “Farmaci e Presidi in igiene dentale”.

“Questo riconoscimento – commenta Giulia Montemezzo, direttrice delle Attività didattiche del corso in Igiene dentale – rappresenta il sempre maggiore impegno del Corso di Studio nella promozione della figura dell’igienista dentale e delle proprie attività cliniche, didattiche e di ricerca”.

“Tutte le linee guida nazionali ed internazionali pongono l’attenzione sul fatto che il successo delle terapie e il benessere del paziente, in particolare del paziente oncologico, sono il frutto della collaborazione tra più professionisti – commenta Leonardo Trombelli, Presidente della Scuola di Medicina e Direttore della UO di Odontoiatria – come quella instaurata negli ultimi anni tra le Unità Operative di Odontoiatria, Ematologia e Oncologia della Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara”.