Forlì, Nuove Visioni: al San Luigi il lato oscuro della Louisiana

Al via giovedì 10 novembre la rassegna Nuove Visioni del progetto The Act of Looking – L’atto di guardare. Si parte con Louisiana di Roberto Minervini

nuove-visioniFORLÌ – È l’America della provincia più profonda, spesso terra di nessuno, la protagonista del primo film della rassegna Nuove Visioni, presentata all’interno del progetto The Act of Looking – L’atto di guardare ideato da Sunset Comunicazione e Associazione Sovraesposti in collaborazione con il Comune di Forlì.
L’apertura, prevista per il 10 novembre alle ore 21.00 alla Sala San Luigi, è affidata a Louisiana di Roberto Minervini, un film crudo, coraggioso e politico su un’umanità dolente e precaria che cerca di reagire al suo essere inevitabilmente invisibile.

Veterani in disarmo, paramilitari, tossicodipendenti in cerca di una via d’uscita, spogliarelliste, anziani che hanno perso la voglia di vivere, sono questi i personaggi che popolano il lato oscuro dell’America che Minervini magistralmente racconta. A metà tra documentario e fiction, la vicinanza dell’autore con la comunità che riprende e narra crea un effetto estraniante e per certi versi scioccante. Il regista non risparmia nulla allo spettatore e lo spinge con forza a guardare all’interno di un mondo in cui il disagio e la lotta per la sopravvivenza va di pari passo con un sogno americano infranto, ma non per questo meno presente.
louisianaGrazie all’empatia di Minervini, con Louisiana si accede agli aspetti più intimi e, per certi versi violenti, di una comunità solitamente chiusa. Il tutto è raccontato in maniera così reale che ben si distingue da quel voyeurismo ipocrita che getta un’ombra di malsana curiosità su molti documentari.

Al termine della proiezione, si parlerà del film insieme a Matteo Lolletti, regista, saggista e docente presso l’Università di Bologna.

La rassegna
Italia anno zero: il nuovo cinema italiano è la prima rassegna di Nuove Visioni e racconta l’Italia da due punti di vista: quello elaborato da nuovi, emergenti, non allineati registi che mostrano il nostro paese (ma non solo, anche gli Usa) e quello di uno sguardo esterno, parziale ma illuminante, sul nuovo cinema che viene prodotto in Italia, su alcuni dei suoi più originali e innovativi interpreti.

Ingresso € 5,00 – ridotto studenti € 3,00