Ferrara ospiterà la settima edizione del Premio nazionale ‘Immagini Amiche 2017′

Lunedì 20 novembre alle 10 al Teatro “C. Abbado” l’assegnazione dei premi. Studenti e studentesse ferraresi coinvolte

foto 9 novembre 2017FERRARA – Si è svolta nella mattinata di giovedì 9 novembre nella residenza municipale di Ferrara, la presentazione della settima edizione del Premio nazionale ‘Immagini Amiche 2017′.

L’iniziativa è organizzata da Udi Nazionale, Udi Ferrara e assessorati alle Pari Opportunità e alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara, con partner il Teatro comunale Abbado, Istituti scolastici ferraresi e il Conservatorio statale di musica ‘G. Frescobaldi’ di Ferrara. Media partner Telestense.

Il Premio si avvale inoltre del patrocinio di Federpubblicità insieme ai patrocini istituzionali della Presidenza del Parlamento Europeo, del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Camera dei Deputati, e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

All’incontro con giornalisti e giornaliste erano presenti Massimo Maisto vicesindaco e assessore alle Pari Opportunità Comune di Ferrara, Cristina Corazzari assessora alla Pubblica Istruzione Comune di Ferrara, Laura Piretti di UDI Nazionale; Daniela Brancati giornalista e presidente della Giuria “Immagini Amiche”, Liviana Zagagnoni di UDI Ferrara e inoltre Dalia Bighinati (Telestense, Media partner del Premio), Mario Sileo docente del liceo scientifico Roiti, Francesco Colaiacovo e Claudio Miotto, rispettivamente presidente e docente del Conservatorio musicale ‘G. Frescobaldi’ Ferrara, Roberta Ziosi (presidente Teatro Comunale di Ferrara).

LA SCHEDA – (Comunicazione a cura degli organizzatori)

VII EDIZIONE DEL PREMIO IMMAGINI AMICHE 2017 A FERRARA

Ferrara ospita la settima edizione del Premio Immagini Amiche, ispirato alla risoluzione del Parlamento Europeo votata il 3 settembre 2008 e relativa all’impatto del marketing e della pubblicità sulla parità fra donne e uomini, con l’obiettivo di valorizzare una comunicazione che, al di là degli stereotipi, veicoli messaggi creativi positivi. Madrina d’eccezione di questa settima edizione è Maurizia Giusti, in arte Syusy Blady, ironica icona televisiva, scelta per l’impegno profuso nello scardinare gli stereotipi di genere nel corso della sua carriera. La Cerimonia di assegnazione del Premio, condotta da Dalia Bighinati, Direttrice Telestense, media partner dell’evento, si svolgerà al Teatro Comunale “C. Abbado” di Ferrara il 20 novembre 2017, dalle ore 10.00 alla presenza delle promotrici nazionali Vittoria Tola, Responsabile nazionale UDI e Daniela Brancati, Presidente del premio Immagini Amiche, nonché delle personalità istituzionali Tiziano Tagliani, Sindaco della città di Ferrara, Massimo Maisto, Vice Sindaco e Assessore Pari Opportunità, Cristina Corazzari, Assessora Pubblica Istruzione e Scuola. Sarà inoltre presente il comunicatore Ceo e Direttore creativo di Inside Comunicazione, Luca Targa, nota personalità ferrarese. La mattinata vedrà la partecipazione di numerosi studenti e studentesse ferraresi che avranno un ruolo attivo sia all’interno della giuria, sia nello svolgimento del programma ufficiale della giornata. Il concorso intende stimolare pubblicitari e aziende committenti a una creatività socialmente responsabile prevedendo cinque sezioni: affissioni, pubblicità televisiva, pubblicità stampata, programmi televisivi e pubblicità web. Le segnalazioni aperte a chiunque e terminate il 30 ottobre, sono state vagliate dalla Giuria di Qualità che ne ha deciso i vincitori indicando dapprima una terna di finalisti. Ulteriori Premi speciali verranno attribuiti a una scuola, scelta fra scuole primarie e secondarie di design, arte, pubblicità e omologhe. Una specifica menzione fuori concorso sarà attribuita a #MettiamoceloInTesta, la campagna di sensibilizzazione finalizzata alla raccolta fondi per l’accesso all’istruzione di bambini e bambine rifugiati, presentata da UNHCR. Nel corso della Cerimonia di premiazione, inoltre, sarà presentato in anteprima nazionale il Manifesto di Venezia per il rispetto e la parità di genere, di Cpo Fnsi, Cpo Usigrai e associazione GiULiA, centro di una iniziativa a Venezia in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. “Questa Amministrazione è da sempre impegnata nel promuovere una costante sensibilizzazione sulle politiche di pari opportunità e pari dignità per ogni essere umano. Come Giunta e Amministrazione Comunale siamo quindi particolarmente onorati di poter ospitare nella nostra città la settima edizione del Premio Nazionale Immagini Amiche, un importante e significativo evento nel campo della promozione di una cultura rispettosa della dignità personale e di genere che ci vede allineati e concordi nella sua matrice sia politica sia culturale – dichiara Massimo Maisto, Vice Sindaco e Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Ferrara – L’iniziativa infatti, promossa da UDI nazionale in collaborazione con UDI sezione di Ferrara e la nostra Amministrazione, deriva da una Risoluzione del Parlamento Europeo che sollecita tutti gli stati membri a sostenere costantemente una politica culturale forte per contrastare gli stereotipi di genere sull’immagine femminile”. L’iniziativa è promossa da UDI e patrocinata dalla Presidenza del Parlamento Europeo, dal Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Camera dei Deputati, e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Comune di Ferrara, Federpubblicità. Media partner Telestense. COME NASCE IL PREMIO IMMAGINI AMICHE L’immagine femminile proposta dalla pubblicità e dai media è stata già, fino dagli anni settanta, sotto attenta osservazione critica da parte delle donne dell’UDI e di tutto il femminismo. Il 25 novembre 2009, a chiusura della Staffetta contro la violenza sulle donne che ha percorso tutto il nostro Paese ed è durata un anno, il Coordinamento nazionale dell’UDI ha lanciato “Città libere dalle pubblicità lesive della dignità delle donne” proponendo ai Comuni italiani l’attuazione della Risoluzione del Parlamento europeo del 3 settembre 2008 sull’impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini. Sono più di cento le città grandi e piccole che, su sollecitazione e richiesta dell’UDI si sono dichiarate “Città libere” attraverso deliberazioni e sedute straordinarie dei Consigli comunali. Tra le prime Catania, Niscemi, Bologna, Salerno, Cuneo, Napoli e Roma, che si è dichiarata “città libera” l’8 marzo 2010 con delibera approvata all’unanimità da un Consiglio straordinario, alla presenza dell’UDI e delle altre associazioni. Molte sono state e, nonostante ciò, molte sono ancora le segnalazioni effettuate da parte dell’UDI all’IAP e relative a quei messaggi pubblicitari potenzialmente o marcatamente determinanti nella diffusione di stereotipi sessisti e/o di modelli violenti nelle relazioni tra i sessi. Nella maggior parte dei casi segnalati si è ottenuta la rimozione. L’UDI, nel contrasto degli stereotipi e della violenza veicolati dalla pubblicità, non si è voluta fermare solo alla denuncia e alla condanna. L’8 marzo del 2010 ha avviato, questa volta insieme all’Ufficio di Informazione per l’Italia del Parlamento europeo, una nuova campagna nazionale denominata “Immagini amiche” che fa anch’essa riferimento alla Risoluzione del Parlamento europeo e che si è evoluta nel Premio Immagini Amiche che intende incoraggiare, valorizzare e premiare una comunicazione per immagini socialmente responsabile e rispettosa della dignità dell’immagine delle donne. “Una comunicazione che, per essere veramente tale, non abusa del corpo delle donne e non le strumentalizza, non utilizza stereotipi e al tempo stesso compie uno sforzo di creatività e di rispetto.” Il Premio, oggi alla sua settima edizione, ha stimolato in questi anni un lavoro di ricerca e di sensibilizzazione rivolto soprattutto ai creativi e alle nuove generazioni per far comprendere la pericolosità sociale di messaggi ad alto tasso di misoginia, indicando un modo più rispondente al vero e più rispettoso nel rappresentare la realtà delle competenze e delle intelligenze femminili presenti e attive nel nostro Paese.