Diritto allo studio. Contributo per l’acquisto dei libri di testo

Domande on line entro il 30 settembre. Per l’anno scolastico 2016/17 possono presentare domanda gli studenti frequentanti le scuole secondarie di primo e secondo grado. A disposizione 3,6 milioni di euro

regione emilia romagna logoBOLOGNA – Venerdì 30 settembre è l’ultimo giorno per presentare domanda di contributo per l’acquisto dei libri di testo per gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado della regione per l’anno scolastico 2016/2017. La richiesta può essere effettuataesclusivamente on line, registrandosi e utilizzando l’applicativo sul sito https://scuola.er-go.it/ , unanuova modalità infatti consentirà di accelerare il pagamento del contributoche verrà effettuato dai Comuni alle famiglie. A disposizione ci sono 3,6 milioni di euro.
I destinatari dei contributi sono gli studenti con un reddito famigliare Isee fino a 10.632,94 euro frequentanti le scuole secondarie di I e II grado della regione, sia che siano scuole statali, private paritarie, paritarie degli enti locali e scuole non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio con valore legale. Gli studenti devono essere residenti in Emilia-Romagna o frequentare qui la scuola anche se residenti in altre Regioni che erogano il beneficio secondo il criterio “della scuola frequentata”: in questo caso competente all’erogazione del beneficio è il Comune sul cui territorio si trova la scuola.
Nella domanda si deve indicare la spesa effettivamente sostenuta per l’acquisto dei libri di testo per l’anno scolastico 2016/2017, della quale è necessario conservare la documentazione da esibire a richiesta.
Per informazioni di carattere generale è anche disponibile il numero verde dell’Urp regionale 800 955 157 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e lunedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30) e l’indirizzo mail: formaz@regione.emilia-romagna.it
Per assistenza nella compilazione della domanda on line è possibile contatta l’help desk tecnico di ER.GO 051.0510168 (martedì e mercoledì dalle ore 10 alle 13 e il giovedì dalle 14,30 alle 16,30). /BM