Conversazioni d’arte a Riccione: oggi incontro con Monica Centanni

Per il ciclo “Il Classico nel Contemporaneo” alle ore 16.30 allo Spazio Tondelli

centanniRICCIONE (RN) – Nell’ambito del ciclo di conversazioni d’arte “Il Classico nel Contemporaneo” organizzato dalla Galleria d’arte Villa Franceschi e dall’Istituzione Riccione per la Cultura, oggi, domenica 27 novembre è in programma il terzo incontro, il cui protagonista sarà Monica Centanni, filologo classico, docente di Fonti greche e latine e Iconologia e tradizione classica all’Università IUAV di Venezia ed Visiting Professor presso l’Università di Catania.

Il titolo della conversazione è Venere, Arianna, la Bella Addormentata e le altre: dal mito a Walt Disney: “I miti antichi sono carichi di una energia vitale – afferma la Prof.ssa Centanni – che, di epoca in epoca, si riattiva rivelando nuove forme e innescando nuovi significati. Venere – la sola divinità che riesce a disarmare l’impeto distruttivo di Marte – e Arianna abbandonata e poi salvata da Dioniso. Le storie del mito riemergono, dopo secoli di oblio, alla fine del XV secolo, e danno vita a una serie di nuove immagini. Nell’arte Arianna riappare nella seducente figura della “Venere dormiente” come inizio di una serie iconografica che arriva fino alla Bella Addormentata, in attesa del risveglio salvifico del suo principe azzurro.”

L’appuntamento è domenica 27 novembre alle ore 16.30 allo Spazio Tondelli. Ingresso libero.

IL CLASSICO NEL CONTEMPORANEO

LE METAMORFOSI DEL MITO

Conversazioni d’arte a Riccione – II ciclo

13 novembre – 4 dicembre 2016

Calendario delle conversazioni:

Domenica 27 novembre -Spazio Tondelli (ex Teatro del Mare) – Via don Minzoni, 1 ore 16.30

Monica Centanni

Venere, Arianna, la Bella Addormentata e le altre: dal mito a Walt Disney

Domenica 4 dicembre – Grand Hotel Des Bains – Via Gramsci, 56 ore 16.30

Renato Barilli

Presenza del classico nell’arte contemporanea

Info: Galleria d’arte Villa Franceschi Tel 0541 693534 museo@riccioneperlacultura.it

www.comune.riccione.rn.it/museicomunali www.riccioneperlacultura.it

L’ingresso agli incontri è libero