Bologna partecipa alla VII Conferenza nazionale dei siti UNESCO

La vicesindaco Marilena Pillati interverrà in rappresentanza della rete italiana Città Creative

BOLOGNA – Bologna partecipa alla VII Conferenza nazionale dei siti italiani iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, in programma a Roma dall’8 al 10 novembre.
La vicesindaco Marilena Pillati interverrà in rappresentanza delle Città Creative UNESCO italiane, all’interno della sessione che ha per tema l’UNESCO come fattore di integrazione con le realtà e i valori del territorio. Bologna infatti porta all’attenzione della Conferenza nazionale l’attività delle Città Creative UNESCO, in particolar modo delle città italiane, per lo sviluppo di progetti innovativi che leghino patrimonio culturale e creatività.

Il network delle Città Creative è notevolmente cresciuto negli anni e ha visto un ampliamento della partecipazione delle città italiane alle attività della rete. Il network conta oggi 116 membri provenienti da 54 Paesi e ne fanno parte 5 città italiane: Bologna nella categoria Musica, Fabriano per l’Artigianato e l’Arte Popolare, Parma per la Gastronomia, Roma per il Film, Torino per il Design.

Al fine di rafforzare il ruolo delle città italiane all’interno della rete, favorendone lo sviluppo sia sul territorio nazionale che a livello internazionale, si è creato un Coordinamento delle Città Creative UNESCO italiane, guidato da Bologna anche alla luce della lunga esperienza maturata nel network. Bologna, Fabriano, Roma, Parma e Torino hanno così sottoscritto proprio di recente un protocollo d’intesa a Fabriano, in occasione della manifestazione “Luogo Comune”.

Il Coordinamento ha tra i suoi obiettivi quello di diventare una piattaforma di riflessione e ricerca nell’ambito delle nuove economie, di favorire la connessione integrata tra cultura, sviluppo economico e turismo, di affermarsi quali punti di riferimento e hub per la creatività a livello nazionale.