Bologna: Hello Stranger, continuano gli appuntamenti del progetto speciale 2016

Dedicato a Motus in occasione dei 25 anni di attività

hello-strangerBOLOGNA – Continuano gli appuntamenti di HELLO STRANGER, il progetto speciale 2016 che la città di Bologna dedica a Motus in occasione dei 25 anni di attività, promosso da Comune di Bologna e Emilia Romagna Teatro Fondazione, con il contributo di Regione Emilia Romagna – Assessorato alla Cultura

Dopo il debutto in prima assoluta di RAFFICHE nell’ambito di VIE Festival 2016, il 3 e 4 novembre arriva l’attesissimo MDLSX presentato all’interno della 14° edizione di Gender Bender Festival a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485). Lo spettacolo, per la prima volta a Bologna dopo aver riscosso un grande successo in Italia e all’estero, vede protagonista Silvia Calderoni che – dopo 10 anni con Motus – si avventura in questo esperimento che ha l’apparente formato di un eccentrico Dj / Vj-Set. L’idea di Motus è stata quella di lavorare sul confine tra femminile e maschile e legare, co-fondere, nella drammaturgia originale, brandelli autobiografici con evocazioni letterarie, citando i testi filosofici e i manifesti teorici di Judith Butler, Paul B. Preciado e Donna Haraway, oltre ad alcune irrinunciabili parole di Pier Paolo Pasolini.

mdlxghostintheshell-2Gender Bender Festival, in collaborazione con Il Centro la Soffitta – Dipartimento delle Arti – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, propone anche una tavola rotonda dal titolo Ghost in the Shell. Gender and performance, che si terrà sabato 5 novembre (h15-19) presso i Laboratori delle Arti/Auditorium (Piazzetta P. P. Pasolini, ingresso via Azzo Gardino 65). Tra i relatori, Chiara Saraceno, Sergia Adamo, Luca Greco, Anna Laura Mariani, Viviana Gravano. Partecipano all’incontro Daniela Nicolò, Enrico Casagrande, Silvia Calderoni.

scintille è il ciclo filmico ideato da Motus per HELLO STRANGER ospitato in Cinetecamotusmdlsx071bynadazgank (Cinema Lumière, Piazzetta P. P. Pasolini, ingresso via Azzo Gardino 65), che accompagna il progetto lungo tutti i mesi di programmazione, con documentari e film di autori selezionati da Motus che hanno influito sull’immaginario degli spettacoli in programma, per finire a dicembre con un focus sulla filmografia del Living Theatre, a cura di Cristina Valenti. Dopo la proiezione del video Splendid’s continuano gli appuntamenti al cinema Lumiére: “scintille è già parola chiave per entrare nelle scelte di questa prima selezione di film, che sono essenzialmente opere minori, indipendenti, ma per noi squarci di luce e piccole fulminazioni” (Motus): mercoledì 9 novembre alle ore 18, proiezione di Cowgirl – Il nuovo sesso (Even Cowgirls Get the Blues, USA/1993) di Gus Van Sant (93′). Intervengono Enrico Casagrande e Daniela Nicolò. “Gus Van Sant – raccontano i Motus – è l’autore che più ci ha folgorato. Cowgirl è direttamente citato nel nostro MDLSX. Inoltre è tratto dal romanzo cult di Tom Robbins e la letteratura americana è altro ingrediente basico per miscelare il nostro teatro meticcio”.
Sempre il 9 novembre alle ore 21.45 proiezione di Porno e libertà (Italia/2016) di Carmine Amoroso (77′), proposto da Motus perché è “un film manifesto, un affresco inatteso, libertario e ironico, contro ogni forma di censura”. Intervengono Carmine Amoroso, Enrico Casagrande e Daniela Nicolò. Giovedì 10 novembre alle ore 21.45, La leggenda di Kaspar Hauser un film del 2012 diretto da Davide Manuli ed interpretato da Vincent Gallo, Claudia Gerini, Elisa Sednaoui, Fabrizio Gifuni, Marco Lampis e Silvia Calderoni, storica performer della compagnia riminese. Kaspar Hauser è “una creatura venuta dalle acque, qui reinterpretato dalla “nostra” Silvia Calderoni nella bellissima scrittura electro di Davide Manuli, con un altro protagonista maestro di trasformazioni identitarie come Vincent Gallo” (Motus). Presentano Enrico Casagrande, Daniela Nicolò e Silvia Calderoni.

Infine, venerdì 11 novembre ore 18, si terrà la proiezione di Arianna (Italia/2015) di Carlo Lavagna (83′) film che vede come protagonista Ondina Quadri, “potente giovane attrice che con noi interpreta la più piccola della ‘Bella e dannata’ banda delle Raffiche, il nuovo spettacolo che ha debuttato in apertura a HELLO STRANGER nell’ambito di VIE Festival 2016 (Motus). Interverranno Ondina Quadri assieme Enrico Casagrande e Daniela Nicolò.

CHEAP per HELLO STRANGER: a novembre parte il secondo dei tre interventi di street poster art a cura di Cheap che accompagneranno il progetto durante il suo intero periodo di svolgimento. Dopo la prima uscita con il progetto grafico di HELLO STRANGER a cura di Damir Jellici, nella seconda fase protagonista è la fotografia: nelle ex bacheche affissive in zona Sant’Isaia sarà proposta una selezione di immagini, tra fotografie di repertorio e scatti di scena di alcuni spettacoli di Motus – MDLSX, RAFFICHE , Come un cane senza padrone – realizzati dai numerosi fotografi che hanno collaborato con la compagnia, tra cui Cristina Zamagni, Federica Giorgetti, Renato Mangolin, Roberto Rognoni, Simone Stanislai, oltre a fotografie di Enrico Casagrande e Daniela Nicolò.

HELLO STRANGER | 25 anni di Motus presenta spettacoli, installazioni, film, incontri verso direzioni inesplorate e alla ricerca di ogni “altro” possibile costituiranno il programma del progetto organizzato attorno ad alcuni punti fondanti del lungo incedere di Motus che propone un dialogo continuo tra passato, presente e futuro, in un percorso che non vuole essere retrospettivo o nostalgico, ma cogliere l’urgenza del presente, provocando nuove domande al di là della mera celebrazione dei 25 anni di attività.

HELLO STRANGER vede la partecipazione di istituzioni pubbliche e di numerosi operatori culturali, tante realtà del territorio che da tempo collaborano con la compagnia. Partner del progetto, promosso da Comune di Bologna e Emilia Romagna Teatro Fondazione con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna sono: Comune di Casalecchio di Reno, Fondazione Cineteca di Bologna, Centro La Soffitta – Dipartimento delle Arti – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, ATER Circuito Regionale Multidisciplinare – Teatro Comunale Laura Betti Casalecchio di Reno, Ateliersi, CHEAP, Gender Bender Festival, Teatri di Vita, VIE Festival.

Motus è un gruppo teatrale nomade e indipendente fondato nel 1991 a Rimini da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò, che non concepisce frontiere tra Paesi, generi e forme artistiche. Ha realizzato spettacoli teatrali, performance, installazioni e workshop partecipando a grandi festival internazionali.

HELLO STRANGER 25 anni di MOTUS
Bologna, ottobre – dicembre 2016
Progetto speciale 2016
promosso da Comune di Bologna e Emilia Romagna Teatro Fondazione
con il contributo di Regione Emilia Romagna – Assessorato alla Cultura
realizzato con
Comune di Casalecchio di Reno
Fondazione Cineteca di Bologna
Centro La Soffitta Dipartimento delle Arti | Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
ATER Circuito Regionale Multidisciplinare – Teatro Comunale Laura Betti, Casalecchio di Reno
Ateliersi
CHEAP
Gender Bender Festival
Teatri di Vita
VIE Festival

Cura Enrico Casagrande Daniela Nicolò
Coordinamento organizzativo Elisa Bartolucci
Progetto grafico Damir Jellici

Info
Hellostranger.it
#hellostranger #motus25