Abusivismo commerciale: l’Amministrazione comunale di Cesena ribadisce l’impegno a contrastare il fenomeno

Nel corso delle pratiche per il rinnovo delle concessioni dei mercati ambulanti dell’Unione controllate più di 1600 posizioni e rilevati 19 casi irregolari

comune-cesenaCESENA – Il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l’Assessore allo Sviluppo Economico Lorenzo Zammarchi:

“Abbiamo letto con molta attenzione i resoconti forniti nei giorni scorsi dai giornali sulla presentazione della ricerca promossa da Confesercenti in merito all’abusivismo commerciale e al suo impatto per le aziende cesenati.

Di fronte all’allarme lanciato dall’associazione, ci preme ribadire l’impegno assunto dall’Amministrazione Comunale per contrastare il fenomeno. E proprio in questa direzione si muove il tavolo di confronto dedicato specificamente ai temi relativi a mercati, fiere, commercio su area pubblica.

Superata la delicata fase delle procedure amministrative preparatorie alla gara finalizzata al rinnovo delle nuove autorizzazioni e concessioni con decorrenza 1 gennaio 2019, ora il tavolo sta proseguendo la sua attività volgendo l’attenzione in particolare a due aspetti: da un lato le nuove strategie per il rilancio del mercato di Cesena, dall’altro la necessità di monitorare la situazione con controlli adeguati.

Su quest’ultimo aspetto – anche al fine di avere un quadro conoscitivo preciso e corretto – è opportuno ricordare che il Suap (Sportello Unico delle Attività Produttive) procede periodicamente ai controlli di legge. In particolare, ogni anno l’Ufficio provvede a verificare i Durc (Documenti unici di regolarità contributiva) di tutti gli operatori titolari di autorizzazione di tipo A dell’Unione, per tutte le partecipazioni a fiere e per tutte le autorizzazioni di tipo B, rilasciate dai Comuni dell’Unione così come previsto dalla Legge Regionale n. 1/2011.

Entrando nel dettaglio, nel 2017 sono stati verificati 647 Durc, relativi non solo a tutti i titolari di autorizzazione, ma anche a tutti i subentri e a tutti i partecipanti a fiere dei sei comuni dell’Unione Valle Savio.

Nell’ambito della gara per il rinnovo delle concessioni, su un totale di 1662 pratiche verificate (1381 domande, 81 subentri e 200 domande per fiere) i Durc risultati irregolari sono stati 19, di cui 12 riferiti ad operatori stranieri e 7 ad operatori italiani. Per sei di loro è scattata l’interdizione alla partecipazione a fiere, mentre per i restanti sono in corso le procedure di regolarizzazione consentite dalla legge.

L’attività di monitoraggio, effettuata dal SUAP su ogni titolare di concessione, permette di avere uno stretto controllo sul rispetto degli adempimenti fiscali ed una rapida gestione delle situazioni critiche, tutelando il comparto da imprese che operano in regime di concorrenza sleale. Questa attività è fondamentale per contrastare le irregolarità, ma accanto ad essa è indispensabile sviluppare una maggiore prevenzione su tutti i fronti. Non c’è dubbio, infatti, che la riduzione di casi di abusivismo passi anche dallo sviluppo di una maggiore consapevolezza negli acquisiti, sensibilizzando i consumatori sull’importanza di comperare da attività che operano nel rispetto delle regole. Al tempo stesso, è indispenabile una continua opera di collaborazione fra Amministrazione ed imprenditori, confrontandosi sulle iniziative intraprese e da intraprendere, a partire dalla sollecitazione rivolta alle attività economiche a segnalare operatori irregolari.”