Il 2 dicembre a Ferrara un excursus tra le opere di Pier Paolo Pasolini

PasoliniFERRARA – A quarant’anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, la Compagnia del libro propone un excursus tra le opere dell’‘ultimo scrittore sociale’ italiano. L’appuntamento, a cura di Matteo Pazzi, è per mercoledì 2 dicembre alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea. In programma interventi di Alberto Amorelli, Andrea Antolini, Andrea Moretti, Linda Morini e Alessandro Tagliati. L’incontro è organizzato in collaborazione con l’associazione culturale Il Gruppo del Tasso di Ferrara.

LA SCHEDA – I corsari della Compagnia del Libro (cfr. Scritti corsari di Pasolini) hanno deciso di assaltare la magnifica e indipendente caravella di Pier Paolo Pasolini. Le usuali armi dei nostri baldi corsari: amore per i libri e la letteratura, miglia marine di coraggio, oceani di passione e spensieratezza. Quarant’anni fa, la notte fra il 1 e 2 novembre 1975, Pier Paolo Pasolini venne ucciso all’ idroscalo di Ostia. Un omicidio oscuro mai chiarito fino in fondo, epilogo nefasto del più grande, forse, libero pensatore del secondo Novecento italiano. A quattro decenni dalla morte la Compagnia del libro propone un breve viaggio all’ interno della poesia, della letteratura, della saggistica e della cinematografia di Pasolini. Vista la complessità dell’opera pasoliniana si proporranno piccoli spunti di riflessione e alcuni rapidi suggerimenti di lettura. Pier Paolo Pasolini: un uomo scomodo, controcorrente, libero. Un grande italiano dimenticato troppo in fretta.