WOMENS’S SIX NATIONS: il Rugby Femminile si gioca a Parma

77

Per il più importante torneo internazionale di rugby femminile a 15 tappa parmense

2017 03 02 Marani Sei nazioni femminilePARMA – Il “6 Nazioni Femminile” scenderà in campo a Parma, grazie all’organizzazione di Rugby Colorno e con il patrocinio del Comune di Parma, del Comune di Colorno, del Comitato Regionale Rugby Emilia Romagna e delle Zebre Rugby.

Si tratta del più importante torneo internazionale di rugby femminile a 15, dove l’Italia è presente da un decennio.

L’iniziativa è stata presentata giovedì mattina dall’assessore allo Sport Giovanni Marani; da Ivano Iemmi, presidente Rugby Colorno FC; da Andrea Di Giandomenico, coach Nazionale Italiana Femminile; da Valerio Manfrini, Assessore allo Sport Comune di Colorno; da Renato Gaeta, per Sostegno Ovale Onlus; da Stefano Cantoni, Consigliere Federale Fir e da Erika Morri, Consigliere Federale Fir.

“Siamo orgogliosi che Parma sia protagonista di questo importante evento – ha precisato l’assessore allo sport Giovanni Marani – un evento che è il frutto di un lavoro di squadra e che vuole dare visibilità alla nostra città ed essere un momento anche di impegno civile con la presenza delle associazioni femminili impegnate contro la violenza sulle donne”.

Soddisfazione è stata espressa dai partecipanti, l’assessore allo sport di Colorno, Valerio Manfrini, che ha parlato di un evento frutto di un lavoro di squadra. Erika Morri, consigliere federale Fir, ha ricordato l’appuntamento di giovedì 9 marzo, con il tour donne azzurre che si terrà alla club house di Moletolo, alle 18.30, per parlare del sodalizio con Loto Onlus impegnata nella lotta contro il tumore ovarico. Stefano Cantoni, consigliere federale Fir, ha ricordato la valenza internazionale del campo di Parma. Mentre Salvatore Salerno ha fatto riferimento al trofeo Anita Garibaldi che verrà assegnato alla squadra che vincerà tra Italia e Francia.

Ivano Iemmi, presidentet Rugby Colorno, ha detto: “Siamo onorati di aver ricevuto dalla Federazione l’incarico di dare seguito a questo importante evento e di averlo organizzato. Il sogno delle nostre atlete è quello di andare in nazionale, per questo penso sia opportuno dare tutta l’importanza che ha a questo momento”. Renato Gaeta, per Sostegno Ovale Onlus, ha parlato dell’impegno a favore dei giovani che non hanno possibilità di frequentare attività sportive ed il coach della Nazionale Italiana Femminile, Andrea Di Giandomenico, ha parlato di una partita impegnativa che le azzurre si stanno preparando ad affrontare con tenacia, impegno e determinazione.

Le azzurre sfideranno la squadra che ha conquistato il podio nel 2016.

Italia e Francia scenderanno in campo Domenica 12 Marzo alle ore 15 allo stadio S. Lanfranchi per un match decisivo nell’ambito di un torneo di rilievo internazionale.

L’iniziativa vedrà il coinvolgimento delle associazioni femminili di Parma impegnate contro la violenza sulle donne.

Si tratta della seconda occasione in cui il territorio ducale ospita un evento di questa portata. Precedentemente, il 13 febbraio del 2010, Italia ed Inghilterra, si affrontarono sui campi di Noceto.

La Cittadella del Rugby, casa delle Zebre Rugby e della Federazione Italiana Rugby, ha una capienza di 5.000 spettatori. La media degli spettatori che hanno assistito ai match precedenti è di circa 3.000.

Prima dell’incontro, venerdì 10 Marzo, le squadre, gli atleti e i tecnici saranno accolti alla Reggia di Colorno e visiteranno la Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA, mentre la sera del match si terrà una cena di Gala presso il ristorante “Al Vedèl” di Colorno.