Ultimi giorni per visitare la mostra “IO TU IO. Renato Vernizzi e Luca Vernizzi: un secolo di ritratti”

12
1998 Luca Vernizzi Ritratto di Baldassarre Molossi

PARMA – Ultimi giorni per visitare la mostra “IO TU IO. Renato Vernizzi e Luca Vernizzi: un secolo di ritratti” che chiude domenica 16 ottobre all’APE Parma Museo, centro culturale ed espositivo di Fondazione Monteparma.

Il Museo, che aderisce all’iniziativa I LIKE PARMA, sarà gratuito per le scuole nei giorni 15 e 16 ottobre, gli ultimi due giorni della mostra.

La rassegna, unica nel suo genere, ha ottenuto un considerevole consenso di pubblico e il favore della stampa che ne ha esaltato il prestigio e il valore artistico. La mostra è stata anche l’occasione per Luca Vernizzi di realizzare il ritratto di Vittorio Sgarbi per i suoi 70 anni, il noto critico ha posato proprio all’interno delle sale dell’APE Parma Museo, e messo in evidenza attraverso una critica molto sentita e profonda, la capacità di Luca Vernizzi di “entrare nei suoi personaggi e di afferrarne le impalpabili vibrazioni”.

Curata da Angelo Crespi e Carla Dini, l’esposizione vede un percorso espositivo composto da un centinaio di opere tra ritratti di famiglia e ritratti dei tanti i personaggi noti del mondo culturale, tra i quali: Arturo Toscanini, Giorgio Torelli, Baldassarre Molossi, Giulietta Masina, Mariuccia Mandelli (Krizia), Giovanni Testori, Giuseppe Sgarbi, Umberto Veronesi, Paolo Crepet e Mario Andreose che nel tempo hanno posato per Renato o Luca Vernizzi, costruendo quel ponte lungo cento anni di ritrattistica che vede padre e figlio uniti nell’arte e nella pratica del ritratto, della quale sono indiscussi Maestri.

In questi ultimi giorni di apertura della mostra lo sguardo si soffermerà sulle opere esposte per assaporarne la bellezza, la luce e la poesia che emanano. Percorrendo le sale dove si susseguono in un ordinamento rigoroso le tele di Renato e Luca Vernizzi si potrà seguire lo scorrere del tempo tra le opere di Renato e quelle più attuali di Luca. Guardando i personaggi si percepisce la storia attraverso i costumi in continuo mutamento, mentre emergono con forza e assolutezza i caratteri pregnanti di ogni personalità raffigurata: un racconto in arte di molte vite che affiorano, prima di ogni altra cosa, attraverso la bellezza e il colore.

In vendita nel bookshop di APE Parma Museo e online (www.mupeditore.it), il catalogo della mostra, edito da Monte Università Parma, presenta un’ampia sezione iconografica accompagnata da un saggio critico a cura di Angelo Crespi e una riflessione di Carla Dini sull’arte del ritratto, ai quali si aggiungono una memoria di Renato Vernizzi da parte di Stefano Spagnoli, che è stato suo allievo, e alcune interessanti notazioni di Luca Vernizzi scaturite dallo scambio artistico con il padre.

La mostra sarà aperta fino al 16 ottobre, dal martedì alla domenica dalle ore 10.30 alle ore 17.30.

La prenotazione è necessaria solo per gruppi superiori alle 8 persone. Per informazioni e prenotazioni tel. 0521 2034 oppure email: info@apeparmamuseo.it. Informazioni anche sul sito: www.apeparmamuseo.it.