Tramonto DiVino: oggi a FICO Eataly World il tour del gusto regionale

Dalle 17.00 ultima tappa italiana del tour. Protagonisti oltre 250 vini regionali raccontati dai sommelier Ais e abbinati ai prodotti Dop e Igp del territorio

BOLOGNA – FICO Eataly World, il parco del cibo più grande al mondo, ospita l’ultima tappa italiana del 2019 di Tramonto DiVino, la collaudata kermesse che anche nell’estate 2019 ha riempito di winelover e gastronauti le piazze della riviera e delle città d’arte della regione. Arena naturale per un evento che da quasi 15 anni promuove e valorizza i vini e i prodotti Dop e Igp regionali, Tramonto DiVino sbarca nel foyer del Centro Congressi di FICO domenica 20 ottobre. Per il giù il sipario definitivo di Tramonto DiVino 2019 bisognerà invece attendere il 19 novembre con il gran finale a Francoforte durante gli eventi della SCIM 2019 (Settimana del Cibo Italiano nel Mondo) di scena quest’anno in Germania.

In degustazione a FICO oltre 250 vini regionali in libero assaggio, serviti e raccontati dai sommelier di Ais in alta uniforme, abbinamenti gastronomici con i prodotti Dop e Igp emiliano-romagnoli, show cooking firmato dal ristorante Grandi Riso di FICO. Per finire, il gelato del Carpigiani Gelato Museum.

A partire dalle 17.00 l’evento propone una suggestiva via del vino animata da circa 200 etichette della guida Emilia Romagna da Bere e da Mangiare in degustazione libera. A queste, si affiancano i vini delle aziende emiliano-romagnole presenti all’interno della cantina di FICO per un percorso enoico, fatto di sapori e profumi, che attraversa tutta la Via Emilia, da Rimini a Piacenza.

I vini saranno raccontati e abbinati dai sommelier Ais ai prodotti tipici certificati dell’Emilia e della Romagna. Protagoniste le etichette emiliane: dai freschi Lambruschi alle Malvasie parmensi, passando per il Pignoletto, nelle versioni Classico e frizzante, fino ai piacentini Gutturnio e Ortrugo. Completa il paniere enologico una ricca selezione di vini romagnoli con gli autoctoni Sangiovese, Albana e Pagadebit in grande evidenza.

A duettare con i vini, i prodotti Dop e Igp dell’Emilia-Romagna preparati e serviti dagli allievi dell’Istituto alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli coordinati all’impiattamento dallo chef romagnolo Giovanni Merli: nel piatto Parmigiano Reggiano Dop, Grana Padano Dop, Prosciutto di Parma Dop, Prosciutto di Modena Dop, Mortadella Bologna Igp, Salumi Piacentini Dop e gli Aceti Balsamico Tradizionale di Modena e di Reggio Emilia Dop e l’Aceto Balsamico di Modena Igp. Conclude la maratona enogastronomica il gelato al gusto riso-latte preparato dai maestri gelatieri del Carpigiani Gelato Museum, protagonista della serata insieme al Riso del Delta del Po Igp.

E, a proposito di prodotti protagonisti, evento nell’evento, sarà lo show cooking condotto da Daniele De Leo, a cura del Ristornate Grandi Riso, presente all’interno di FICO, che spettacolarizzerà il prodotto protagonista della serata con un Risotto al Lambrusco e Parmigiano Reggiano Dop. Nel piatto il lambrusco e Parmigiano duetteranno con le note affumicate della scamorza e l’amaricante del radicchio che completano il paniere degli ingredienti insieme all’immancabile burro per la mantecatura e all’Olio Evo. La ricetta sarà anche alla base della simpatica disfida fra sommelier di matrimonio/tradimento alla ricerca dell’abbinamento (im)perfetto fra cibi e vini regionali.

Promozioni in collaborazioni con FICO

Le sorprese dell’ultima tappa del tour del gusto regionale non finiscono qui. Infatti, chi vorrà portarsi a casa il nettare di Bacco degustato durante l’evento, potrà approfittare della promozione nata dalla collaborazione tra Tramonto DiVino e l’Enoteca di FICO: nella giornata del 20 ottobre viene riservata ai partecipanti di Tramonto DiVino il 10% di sconto su tutte le referenze presenti presso l’Enoteca di FICO. Ulteriori significativi sconti sono anche previsti per alcune delle etichette regionali in degustazione da acquistare direttamente sugli scaffali di FICO.

Collaborazione con l’Associazione non vedenti di Bologna

Il vino è patrimonio di tutti. E anche quella particolare ‘liturgia’ del mescere e del raccontare tipica di Ais lo deve essere. Così è nato un percorso didattico portato avanti da Ais Bologna in collaborazione con l’Unione italiana ciechi e ipovedenti e l’Unione nazionale italiana volontari pro ciechi, in cui tecniche e metodologie proprie della sommellerie sono state condivise con alcuni ipovedenti appassionati del nettare di Bacco. E saranno proprio loro, con l’aiuto di altri colleghi sommelier, a gestire due delle postazioni d’assaggio a FICO, mescendo e raccontando i vini regionali.

Animazione Anche a FICO sarà presente il selfie corner in versione analogica di Tramonto DiVino. Ogni partecipante alla serata può farsi scattare una foto e riceverne subito in omaggio una copia stampata, a patto che si scarichi sul proprio smartphone l’app Via Emilia Wine&Food, una guida completa e a portata di click, o meglio di tap, dell’enogastronomia dell’Emilia-Romagna.

Premiazione contest instagram. Che cosa rende unica agli occhi dei winelovers l’Emilia-Romagna e la sua offerta enogastronomica? Lo abbiamo chiesto agli instagramers che durante l’estate hanno partecipato al contest #TramontoDiVino2019. Il vincitore, con oltre mille like e uno scatto che una ragazza intenta a sorseggiare un calice di vino su una spiaggia al tramonto, riceverà durante la serata un gustoso premio a base di vini e prodotti certificati emiliano-romagnoli.

Partner dell’evento Tramonto DiVino è un evento dell’Assessorato Agricoltura della Regione Emilia-Romagna in partnership con l’Enoteca Regionale dell’Emilia-Romagna, APT Servizi e Unioncamere Emilia-Romagna, organizzato da Agenzia PrimaPagina Cesena insieme alle Ais di Emilia e Romagna. Partner dell’edizione 2019 sono: Carpigiani Gelato Museum, i Consorzi delle principali Dop e Igp dell’Emilia-Romagna: Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e di Modena, Salumi Piacentini, Pesca e Nettarina di Romagna, Pera dell’Emilia-Romagna, Mortadella Bologna, Consorzio Salame Cacciatore, Associazione dello Squacquerone di Romagna (rappresentata dalla Centrale del Latte di Cesena), Olio Extravergine di Oliva di Brisighella, Aceti Balsamici Tradizionali di Modena e Reggio Emilia, Aceto Balsamico di Modena, Patata di Bologna, Piadina Romagnola, Aglio di Voghiera, Zampone e Cotechino di Modena. E ancora le Strade dei vini e dei sapori della Romagna, della Provincia di Ferrara e dell’Appennino Bolognese.

Info e partecipazione Per operare una corretta selezione dei partecipanti all’evento, indirizzando ad una degustazione e ad un consumo consapevole dei vini e dei prodotti gastronomici regionali, è previsto un ticket d’ingresso fissato a 20 euro (15 euro ridotto soci Ais). Il ticket, secondo una collaudata prassi, prevede la consegna ai partecipanti della Guida “Emilia Romagna da bere e da mangiare”, un calice per le degustazioni con marsupio e un carnet di assaggi prodotti della gastronomia, mentre la degustazione dei vini è libera. L’assaggio limitato della ricetta a cura dello chef nell’Isola dei protagonisti richiederà un ticket supplementare del costo di € 3. Tutte le informazioni e il programma sul sito www.emiliaromagnavini.it e scaricando l’App Via Emilia Wine & Food.