Terra del Sole patrimonio culturale dell’umanità?

13

La Lega avanza la proposta per ottenere il riconoscimento Unesco. Il consigliere regionale Pompignoli “nel nome di Cosimo de’ Medici; ci sono i presupposti. Comune e Regione interagiscano per avviare la procedura”

CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE (FC) – “La cittadella medicea di Terra del Sole custodisce un valore storico, culturale e artistico assolutamente eccezionale, che può ambire legittimamente al riconoscimento di sito patrimonio dell’Unesco.”

Sono il consigliere regionale della Lega, Massimiliano Pompignoli (FOTO), e il ‘collega’, castrocarese Filippo Turchi, a farsi portavoce della candidatura di Terra del Sole a “sito italiano patrimonio culturale dell’Umanità”.

“Crediamo che il territorio di Castrocaro, con la sua tipica conformazione bicefala e le numerose eccellenze architettoniche, possa ambire legittimamente al riconoscimento di sito patrimonio dell’Unesco. Eliopoli, culla della civiltà medievale, custodisce intatta la sua rinomata cittadella, espressione e testimonianza del suo indiscusso valore strategico. La città – fortezza di Terra del Sole, voluta da Cosimo de’ Medici, progettata e costruita dai migliori architetti e ingegneri dell’epoca, con la sua tipica configurazione rettangolare bastionata, l’imponente ‘Palazzo Pretorio’, la chiesa di Santa Reparata, i due borghi, Romano e Fiorentino, la cinta muraria e la vasta Piazza D’Armi, rappresenta un vero e proprio unicum, ovvero un luogo che per le sue caratteristiche, architettoniche, urbanistiche e storico-culturali non ha eguali.”

“Terra del Sole rappresenta una di quelle mete del nostro Paese che, almeno una volta nella vita, andrebbero visitate e di cui andare orgogliosi. La storia di questo borgo e il suo straordinario valore artistico” – chiosa il consigliere regionale Pompignoli – “sono il presupposto indiscutibile da cui partire per costruire, d’intesa con la Regione Emilia-Romagna, il percorso per il riconoscimento di patrimonio dell’umanità. Confido nella lungimiranza politica dell’Amministrazione per gettare le basi di questo lungo iter. Questa è un’occasione in cui bisogna fare squadra” – conclude Pompignoli che ribadisce la sua “piena disponibilità a dare una mano per il perseguimento di un interesse comune.”

“Sindaco e Assessori ragionino sul potenziale del riconoscimento e si mettano al lavoro per avanzare la proposta di candidatura”. È questo, infine, l’appello del consigliere comunale, Filippo Turchi, che precisa: “la Lega, anche in Comune, è pronta a fare la sua parte in questo importante percorso, con la presentazione di un atto di impegno che sancisca ufficialmente l’avvio della procedura. Siamo consapevoli che l’identificazione di Castrocaro quale sito italiano patrimonio dell’Unesco rappresenterebbe una grande e inedita occasione di rilancio per il nostro territorio. Ne beneficerebbe il comparto termale, l’offerta turistica del paese, attualmente in profonda sofferenza, e la vocazione storico culturale di tutta la Romagna.”